Conviene puntare sugli investimenti immobiliari in Italia? Andamento mercato – previsioni 2019

Pubblicato da: TommasoP - il: 08-03-2019 10:49
Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Se anche voi siete alla ricerca dei migliori consigli su come investire i vostri soldi in Italia in questo 2019, non potete non prendere in considerazione quanto abbiamo da dirvi in questa guida. Oggi vi vogliamo parlare degli investimenti immobiliari 2019 in Italia.

Cercheremo di comprendere come fare per investire in questo settore, se davvero è un settore redditizio su cui conviene ancora oggi puntare, o se invece, sarebbe meglio dirottare gli investimenti altrove. In questo articolo analizzeremo alcuni consigli e proposte per i vostri investimenti e valuteremo gli errori che si commettono giornalmente.

Molti considerano il 2019 come l’anno buono per fare il grande passo e dunque fare investimenti immobiliari. Si potrebbe pensare di comprare un immobile per destinarlo all’uso più comune (acquistare un immobile per abitarci) o anche fare investimenti immobiliari per ottenere una rendita. L’andamento del mercato con i prezzi leggermente in ripresa sembrano far registrare una fase positiva.

Oggi (e per qualche tempo ancora), si possono fare degli ottimi affari! Molti sembrano interessati all’acquisto degli immobili da destinare a residenza. Si deve però tenere presente che lo stesso mercato immobiliare non è regolare e molto spesso il prezzo varia da città in città e all’interno della stessa città con trend decisamente differenti da quartiere a quartiere.

È chiaro dunque che prima di investire sarebbe bene valutare attentamente il mercato presente in un determinato paese all’interno del quale si vuole investire. Ecco il motivo per il quale, ancora prima di comprare casa e fare quindi investimenti immobiliari (ad esempio se lo si compra per affittarlo), si deve analizzare la vocazione del Paese in cui si sta investendo.

Molti valutano delle soluzioni di acquisto legate alla prospettiva del leasing immobiliare nel caso in cui si sta cercando una valida alternativa al classico mutuo.

Purtroppo effettuare questo particolare investimento non è semplice. Allo stesso tempo acquistare un immobile per metterlo a reddito dandolo in locazione, oppure rivenderlo in tempi migliori, potrebbe essere una soluzione alternativa al classico conto deposito che vi potrebbe permettere di far fruttare qualche soldo in più.

Attenzione perché investire in immobili, vuol dire effettuare un investimento illiquido ovvero non è semplice rivenderlo in tempo brevi. Ecco anche il motivo per il quale si deve valutare attentamente l’acquisto di un immobile.

investire in immobili all'estero

Investimenti immobiliari: come e dove?

Fare investimenti immobiliari in Italia conviene?

Ancora prima di passare ad esaminare in maniera più approfondita il quadro generale legato al mercato immobiliare e al suo andamento, sarebbe ottimo valutare attentamente qualche consiglio di chi ne sa più di noi in merito agli investire sul mattone.

Gli italiani sono sempre stati dell’idea di acquistare un immobile. Investire in immobili per questi è sempre stato (e lo è ancora) il sogno più grande da realizzare.

Questa forma di investimento è sempre stata vista come la modalità migliore per investire e far fruttare propri risparmi. Allo stesso tempo, però, possiamo dire che si tratta di un mercato che non offre più le sicurezze di una volta.

Ecco anche uno dei motivi per il quale molti investitori non cercano più immobili, ma preferiscono dirottare i propri investimenti altrove. Questo lo si deve al fatto stesso che molti di essi non sono in grado di comprendere bene come e perché acquistare casa e se questo sia o meno un vero affare.

Studiare un quartiere/zona a fondo

Il primo elemento da considerare, quando si vuole investire in immobili è quello di esaminare (e specializzarsi) su un determinato quartiere di una città. In questo caso sarebbe opportuno capire le offerte di quel paese o di quella zona e agire di conseguenza.

Studiare un’area o una zona della città implica conoscere anche la tipologia e il target di popolazione che ci vive in quella zona. Allo stesso tempo sarebbe opportuno valutare attentamente le tipologie di abitazioni che sono ubicate e i prezzi delle stesse.

È per altro fondamentale riconoscere la zona di interesse, in quanto questa è la strada giusta per comprendere quando sui è davanti ad un’occasione.

Investimenti immobiliari: acquistare un appartamento affittato

Sarebbe una delle migliori soluzioni di investimento? Dipende dal punto di vista.

Si potrebbe trattare di un ottimo affare nel caso in cui l’alloggio o l’immobile sia destinato a rendita. In questo caso l’affittuario vi è già e quindi da subito si inizia a guadagnare. Questo vuol dire non perdere tempo e danaro a cercare di locare l’immobile.

Se lo si vuole acquistare per abitarci, invece, le cose si complicano; l’immobile essendo già locato potrebbe comportare certamente un prezzo minore rispetto a quello che potremmo trovare per una casa vuota e libera (anche del 25% in meno) ma dall’altro lato, se la si vuole utilizzare a fini abitativi, non è possibile almeno nell’immediato.

Nuda proprietà

Di cosa si tratta?

Acquistare la nuda proprietà potrebbe essere uno dei migliori investimenti immobiliari. Perché? Per il semplice fatto che la casa rimane abitata dall’attuale inquilino (l’usufruttuario), ma diventa di vostra proprietà. Proprio per questo motivo il valore dell’immobile scende di prezzo in maniera significativa e molte volete si possono fare anche degli ottimi affari.

Acquistare la nuda proprietà implica solo al decesso dell’inquilino usufruttuario di divenire a tutti gli effetti proprietario della casa la quale riacquisterà il pieno valore in quanto gli eredi del defunto non possono far valere alcun diritto sull’edificio stesso.

Attenzione al prezzo al mq!

Quando si fanno investimenti immobiliari (soprattutto nelle grandi città) si devono fare i conti con il costo calcolato a metro quadro. Potrebbe sembrare strano ma molte volte il prezzo delle case più grandi è minore rispetto alle abitazioni di dimensioni ridotte.

Perché questo? Oggi sono le piccole case ad essere richieste.

Se state cercando di fare degli ottimi affari, potreste puntare a comprare delle grandi case dalla quale è possibile ricavare due o più mini appartamenti, o anche acquistare immobili di minor metratura. Questi ultimi devono essere tenuti d’occhio anche perché le case piccole sono sempre più richieste nelle periferie come nei grandi centri delle città.

Ovviamente, effettuare questo investimento implica analizzare la zona dove effettuare l’investimento, se è una zona ben servita o anche se potrebbe diventarlo a breve.

Trovare un immobile all’interno di una zona che a breve viene riqualificata, potrebbe essere un ottimo investimento, considerando anche che il prezzo potrebbe scendere in precedenza e successivamente potrebbe acquistare valore (a seguito del processo di migliorie del quartiere).

>>Approfondimento: Come e dove investire i risparmi nei prossimi 5 anni?

Dove investire in immobili in Italia?

Fare investimenti immobiliari in Italia e all’estero è davvero conveniente?

Non sempre questo particolare investimento è stato considerato un’ottima strategia. Negli ultimi 3 anni l’investimento immobiliare è tornato ad essere leggermente appetibile su un tempo di 10 anni.

Molti investitori in questi anni sono stati attratti dai prezzi più convenienti e dai rendimenti annui in salita. Purtroppo oggi la situazione nonostante i timidi segnali di ripresa non sembra essere in grado di spiccare il volo e tornare ai livelli pre-crisi.

Di seguito riportiamo alcune delle città italiane definite migliori per investire in immobili.

  • Napoli

Il capoluogo partenopeo è una delle metropoli più ricercate. Questa città ha fatto segnare un maggior rialzo in termini percentuali di acquisti ad uso investimento collegato alla forte attrattiva turistica.

  • Verona

Anche questa città ha rivelato una sorpresa per tutti e lo si deve alle analisi condotte degli acquisti ad uso investimento.

Verona ha visto raddoppiare la percentuale di acquisto con questa finalità. Con molta probabilità e per via della forte attrattiva turistica molti hanno deciso di investire su di essa. È soprattutto il centro della città che piace agli investitori, in particolare, di coloro che desiderano entrare nel business turistico ricettivo creando case vacanza e B&B.

Si segnalano anche ottimi affari per l’acquisto di macro area di Borgo Roma-Golosine dove i prezzi al momento sono ancora contenuti e permettono di acquistare bilocali a 70-80 mila €. In questo caso si potrebbero comprare e affittarli con una rendita mensili di circa 400-500 € al mese.

  • Firenze

Come sempre Firenze svetta tra le città a forte vocazione turistica; qui molti comprano casa per poi ricavarne una rendita dagli affitti. Se analizziamo le stime, possiamo notare che il centro è oramai da anni sotto i riflettori degli investitori che stanno acquistando prevalentemente immobili per realizzare delle case vacanze.

Gli immobili posizionati nel centro di Firenze, ma potremmo dire anche quelli presenti in altri centri come ad esempio Milano, hanno perso poco valore durante la crisi immobiliare.

  • Milano

Da sempre Milano è considerata una delle città preferite dagli investitori. Se si analizzano le macro aree, possiamo notare che ancora oggi le percentuali più elevate di investimenti immobiliari si registrano in:

  • Centro: (48,4%);
  • Aree Lodi-Corsica (36,0%);
  • Stazione Centrale-Gioia-Fulvio Testi: (34,7%);
  • Navigli-Famagosta (34,0%).

Tutta la zona centrale di Milano è stata da sempre un terreno fertile per chi decide di affittare gli immobili. Dalla crisi finanziaria ad oggi, in queste zone, si è perso molto meno valore rispetto ad altre; parliamo del 5,3% di valore in meno rispetto a i tempi pre-crisi.

  • Roma

Anche questa città è considerata una città a forte vocazione turistica a cui si aggiungono anche aziende e università importanti. Da sempre Roma ha avuto una spiccata domanda ad uso investimento.

La macroarea dove si realizzano degli ottimi affari, ricade in Prati-Francia (40,8%) ovvero la zona che si sviluppa intorno al Vaticano, al Palazzo di Giustizia, alla sede della Rai e all’Università della Lumsa. A ben vedere si tratta di importanti poli di attrazione sia per affitti a lavoratori fuori sede sia a turisti.

Segue infine il centro con il 35% delle compravendite e la macroarea Policlinico-Pietralata (23,3%) che richiama studenti delle università Sapienza e Luiss.

  • Palermo

Nel Sud più estremo dell’Italia spicca Palermo dove investimenti immobiliari sono cresciuti notevolmente; qui si è passati dal 23,8% a 28,6% in un arco di tempo compreso tra il 2013 al 2018. Ad oggi i maggiori investimenti si concentrano nel centro (47,8%) seguito poi da Università-Brancaccio con (30,0%) e dalla macroarea Fiera (22,9%).

Il cuore della città ha visto una crescita degli acquisti in immobili da mettere a reddito e come tale si sono trasformate in casa vacanza o B&B acquistati da siciliani in primis ma anche da persone provenienti da altre province italiane. In ultimo anche da stranieri (Europa dell’est, Scandinavia, Francia, Germania, e ora anche cinesi). Sono questi quelli che amano trascorrere a Palermo alcuni mesi dell’anno. Molti invece stanno realizzando dei lussuosi B&B (trend in aumento).

  • Torino

In questa città, negli ultimi 4 anni, la componente investimento di case è cresciuta passando da 21,1% a 26,6%. Anche in questo caso, si devono analizzare le macro aree su cui investire; spiccano Centro – San Salvario (47,3%), seguita da quella di Francia – San Paolo (36,9%).

Le zone centrali attirano soprattutto investitori che acquistano piccoli appartamenti da destinare poi a rendita per via degli affitti a studenti universitari, lavoratori e ora anche turisti.

>>Approfondimento: Come investire a 20 Anni? Guida e consigli

Investimenti immobiliari 2019: qual è la fase migliore per acquistare?

Investire in Immobili nel 2019: dove?

Investimenti immobiliari 2019: dove?

Il tempo per effettuare gli acquisti è molto importante.

Cosa fare dunque? Sarebbe bene e opportuno valutare con molta attenzione il momento in cui portare a termine la compravendita dello stesso immobile. Si deve essere consapevoli della fase attuale del ciclo immobiliare; questo è fondamentale per concludere un ottimo affare.

In periodo di recessione i prezzi si abbassano; in questo periodo è difficile vendere e chi vuole vendere deve per altro affrettarsi al fine di contrastare i vari problemi legati alla recessione ciclica. I prezzi si abbassano mentre il numero di case tra cui scegliere aumenta.

Valutare attentamente questo aspetto è importantissimo per portare a casa degli ottimi affari.

Fare bene i conti e non sbagliare

  • Avete visto una casa il cui valore sapete bene che non potrà mai aumentare significativamente nel lungo periodo?
  • Potrebbe essere la casa dei vostri sogni?

Non perdete tempo e procedete all’acquisto. Attenzione però a verificare alcuni elementi ancora prima di firmare la compravendita:

  • potreste affittare la casa ad un canone annuo lordo pari ad almeno il 5% del valore totale dell’investimento;
  • si potrebbe vedere di affittarla ad un prezzo maggiorato in base alle esigenze del cliente e a quello che offre l’immobile.

Si devono poi fare i conti con i costi legati all’atto notarile di acquisto della casa e delle reali possibilità di affittare al prezzo che decidete che per altro deve essere davvero conveniente per voi.

Compra immobili residenziali e non commerciali

Perché si devono preferire gli immobili a carattere residenziale rispetto a quelli commerciali? Sarebbe opportuno scegliere immobili a carattere commerciale, nel caso in cui si è certi che questi possono essere affittati nell’immediato e che non richiedono particolari procedure di adempimenti burocratici?

Molto spesso si possono fare degli ottimi affari, anche abbastanza convenienti in vista di un guadagno maggiore. Attenzione in quanto questi richiedono adempimenti diversi. Per certi versi potrebbero essere anche più complessi.

Si potrebbe optare per acquistare dei terreni che hanno delle ottime probabilità (che nel breve periodo) diventino delle zone edificatorie ad uso residenziale. Molto dipende da voi e dall’idea che avete di immobile.

Trovare venditori che siano motivati

Anche se potrebbe sembrare strano, non lo è per nulla. Potrebbe sembrare fuori luogo cercare di capire con chi si ha a che fare, come anche capire colui che vi sta vendendo la casa.

Anche se non sembra, questo potrebbe essere di ottimo aiuto per la conclusione di un affare.

In breve, trattare con qualcuno che ha una certa premura di vendere (magari perché deve usare gli introiti per comprare), potrebbe avere un interesse maggiore rispetto a soggetti che vogliono vendere al prezzo prestabilito da loro e che non hanno necessità urgenti di denaro e quindi di vendere. Solitamente si tratta di soggetti che si possono permettere di aspettare.

Negoziare: cosa vuol dire?

Anche se molto spesso non produce i risultati sperati, provar non nuoce. Cosa vuol dire negoziare? Vuol dire concludere degli ottimi affari per entrambi, venditore e acquirente.

Si tratta ad esempio i uno dei primi trucchi per non esporsi mai per primo dicendo il prezzo che si intendi pagare. In questo caso si rischia di offrire un vantaggio all’interlocutore che invece si aspettava uno scambio meno vantaggioso. Se invece credete di poter spuntare ancora qualcosina, allora meglio provarci!

L’offerta deve essere fatta per iscritto

Attenzione a questo piccolo particolare. Al fine di evitare spiacevoli inconvenienti, sarebbe bene scrivere tutti gli accordi effettuati e le proposte su degli appositi moduli che potete trovare online o presso le agenzie immobiliari.

Si devono evitare accordi verbali che non sempre portano a degli ottimi risultati, anche se si conosce la persona con cui si sta contrattando.

Attenzione a non perderci!

Tenete presente che quando effettuate investimenti immobiliari spesso si considera solo la redditività. Questo non è assolutamente vero in quanto si devono considerare le spese di mantenimento, le tasse e i vari imprevisti che possiamo incontrare.

Ecco il motivo per il quale sarebbe opportuno a volte essere realisti e valutare tutte le voci di spesa. Questo vi permette di comprendere se l’acquisto effettuato sia davvero un ottimo investimento o se invece è solo un errore che sarebbe stato meglio non commettere.

L’immobile non è sempre fonte di reddito

Cosa vuol dire?

Anche se si potrebbe trattare di un immobile presente in una zona o forte vocazione turistica, non sempre comprare l’immobile è un affare vantaggioso e redditizio; non sempre spendere soldi e investire nel mattone porta i rendimenti sperati.

Nel caso in cui poi sono abitati da altre persone o si trovano in altri luoghi lontano dalla propria residenza, si deve valutare la convenienza di tale scelta geografica e anche avere una persona di fiducia in loco che sia in grado di supportarti (con varie pratiche burocratiche) e non legate solo alla gestione della casa e degli affitti dei turisti.

Attenzione poi al fatto che i prezzi delle località turistiche sono molto spesso gonfiati da vincoli che fanno lievitare di molto i prezzi e che rendono gli investimenti meno redditizi del previsto. In pratica, al rendimento della casa data in locazione solo per i mesi estivi (appena il 3% del valore dell’immobile) si devono poi sottrarre le spese di manutenzione, quelle di gestione e le tasse.

Essere obiettivi è fondamentale

In questo campo essere obiettivi è molto importante. Nella valutazione dell’immobile che avete davanti, dovete essere obiettivi e razionali. Non dovete perdere la ragione subito e si devono valutare tutte le proposte del luogo che siano attinenti con la vostra proposta.

Non dovete mai trascurare alcuni dettagli importanti quando fate investimenti immobiliari.

Potreste rischiare di effettuare degli acquisti di immobili che non rendono effettivamente quello che in precedenza pensavate. Ricordate sempre che state investendo e non state comprando la casa dei vostri sogni (e anche in quest’ultimo caso), sarebbe opportuno fare particolare attenzione!

Investi in solitudine

Ma cosa centra la solitudine con gli immobili?

Attenzione a questo termine. Il termine solitudine deve essere inteso come “DA SOLO”! In pratica, se ve lo potete permettere meglio investire sempre da solo e mai in cooperazione con un amico o un parente. Questo però vuol dire sostenere dei costi maggiori e soprattutto evitare eventuali problemi futuri. Anche i rendimenti saranno maggiori in quanto non li dovrete dividere con nessuno.

Mutuo: un’ottima occasione

Oggi, i maggiori esperti di finanza personale sono dell’idea che la casa da adibire a propria abitazione non debba essere comprata, ma sarebbe bene affittarla. Sicuramente il punto di vista cambia notevolmente in base alle diverse considerazioni.

Sapendo che i mutui vengono erogati in questa fase con tassi decisamente bassi si potrebbe vedere un rialzo del mercato immobiliare che prevede un aumento del numero dei potenziali compratori e questo potrebbe rappresentare un vantaggio anche per gli investitori.

Comprare una casa dovrebbe comportare un investimento legato ad una buona fetta di liquidità; potrebbe tornare utile pensare di prendere una parte dei soldi dalla banca; questa parte potrebbe essere abbastanza considerevole che potrebbe arrivare fino all’80% sfruttando i tassi molto bassi.

Ovviamente il finanziamento, se adeguatamente spalmato nel tempo, verrebbe pagato dagli inquilini che corrispondono mensilmente il canone di locazione.

Cosa vuol dire questo?

Ad esempio si potrebbe investire 20 mila euro di tasca propria per acquistare un immobile dal valore di 80.000 euro finanziato per i restanti 60.000 euro dal mutuo (a sua volta pagato tramite il canone di locazione riscosso che deve essere superiore alla rata che devi corrispondere alla banca).

Analizzando il trend rialzista di lungo periodo inerente ai canoni di locazione, si potrebbero trovare degli ottimi affari e soprattutto si arriverebbe dopo diversi anni a percepire un affitto molto più alto con il mutuo a patto però che il tasso fisso resti uguale nella quantità delle rate ma sicuramente peserà di meno.

Ovviamente si devono valutare alcuni requisiti atti ad ottenere un mutuo come ad esempio al credibilità del soggetto e il progetto stesso. Si tratta di due elementi che la banca deve valutare attentamente prima di finanziare e concedere il mutuo. Ecco uno dei motivi per il quale, nel caso in cui state pensando di investire nel mattone, dovete valutare attentamente tutti questi aspetti.

>>Approfondimento: Come vivere di rendita? Esempi pratici di come investire in azioni e obbligazioni 2019

Rendimento investimenti immobiliari: investire senza soldi è possibile?

investire in immobili all'estero

Come fare investimenti immobiliari senza soldi?

Anche questo è possibile! È possibile grazie proprio al leasing immobiliare che vi permette di investire in un immobile senza soldi. In pratica il Leasing immobiliare rappresenta uno strumento attivo da gennaio 2016 ed esteso fino al 31 dicembre 2020 che consente ai giovani sotto i 35 anni di acquistare la prima casa godendo di una serie di agevolazioni fiscali.

A comprare l’immobile non siete voi, ma una banca o una società. Una volta terminata l’operazione, quest’ultima vi affitterà l’abitazione. Allo scadere del contratto l’usufruttuario godrà di una triplice possibilità:

  • lasciare l’immobile;
  • acquistarlo riscattando i canoni versati;
  • proseguire con il leasing.

La riserva di proprietà e il ricorso alle aste online

Considerata come una formula efficace, viene messa in atto da tutti i soggetti che non hanno soldi da investire in un immobile; la riserva di proprietà prevede che l’acquirente sia considerato come un futuro compratore. Anche se si dispone dell’immobile, la proprietà verrà trasferita solo a seguito di pagamento dell’ultima rata.

Vi è poi la formula affitto con riscatto, che è considerata una formula grazie al quale viene riconosciuto all’inquilino (trascorsi 7 anni dalla data della stipula), la possibilità di riscattare l’immobile. Questa soluzione si rivela vantaggiosa per il venditore come anche per il compratore. Gli effetti fiscali hanno luogo solamente al momento del riscatto. L’acquirente ha tutto il tempo a disposizione per reperire il capitale da destinare all’acquisto dello stesso immobile.

Infine, se la somma di denaro disponibile per un immobile è limitata, si potrà ricorrere alle aste immobiliari online. In questo caso si possono fare degli ottimi affari, grazie all’applicazione dei prezzi più bassi.

Acquistare casa con il Leaseback

Potremmo definirla come una formula che trova ampio utilizzo nel mondo degli investimenti immobiliari e che offre un reddito garantito; in pratica il Leaseback indica delle società specializzate che si dicono pronte ad offrire una garanzia (dal punto di vista del ritorno economico) su un periodo di tempo di 12 mesi.

Scegliere questa tipologia di investimento vuol dire avvantaggiarsi anche a livello di agevolazioni fiscali.

Qualora si decida di investire con questa formula dovrete ricercare una società affidabile e in particolare è importante anche che quest’ultima riesca a tutelarvi dalle oscillazioni che potrebbero colpire il settore immobiliare.

>>Volete un metodo alternativo all’investimento immobiliare? Dettagli e approfondimenti su: Come Investire 100 € o 1.000 euro nel trading online in Modo Sicuro Senza Rischi?

Investimenti immobiliari all’estero: conviene? Dove comprare?

investire in immobili all'estero

investimenti immobiliari all’estero: conviene ancora?

  • Avete mai pensato di fare investimenti immobiliari all’estero?
  • Avete puntato ad acquistare una casa in zona turistica che non sia il vostro Paese natale?

Se non lo avete ancora fatto e siete in procinto di farlo, ricordate sempre quanto detto in precedenza; i costi aumentano in quanto dovete trovare delle persone di fiducia che gestiscono la vostra casa. Se tuttavia avete intenzione di farlo, sarebbe meglio per voi, cercare di tenere presente il rischio derivante dal cambio valuta in caso si investimenti in Svizzera ad esempio.

Infatti, se si sceglie di investire in paesi extra UE, è bene tenere presente che un’abitazione comprata all’estero con altra valuta può essere assoggettata a cambiamenti che possono portare a delle perdite.

In Italia oggi giorno si valuta molto attentamente questa possibilità; la possibilità di effettuare investimenti immobiliari all’estero vuol dire puntare su un business di probabile successo. Gli ultimi anni hanno visto un grande incremento degli investimenti immobiliari all’estero con un aumento del 75% e addirittura del 200% rispetto a 20 anni fa.

  • Dove è meglio investire per massimizzare i profitti?
  • Dove investire per ridurre al minimo le perdite?
  • Quali fattori sono importanti e determinanti prima di iniziare un investimento all’estero?

Ad oggi, tra le nazioni più ambite dagli investitori immobiliari attualmente abbiamo:

SPAGNA

Questo paese, a seguito della crisi economica, ha fatto registrare un calo dei prezzi medi fino ad un 45%. Allo stesso tempo, la situazione ha comportato il fallimento dei maggiori costruttori locali che hanno dovuto vendere gli immobili senza un ritorno economico concreto. Se decidete di investire in Spagna potete beneficiare degli effetti della ripresa economica e quindi di una rivalutazione dell’immobile acquistato.

Al momento le migliori mete su cui fare investimenti immobiliari in Spagna sono:

  • Spagna continentale

Qui gli investimenti fondamentalmente si sviluppano in 3 città:

  1. Madrid: 4.000 euro al metro quadro;
  2. Valencia: 3.400 euro al metro quadro;
  3. Barcellona: 3.700 euro al mq.

In quest’ultimo luogo stanno facendo investimenti immobiliari moltissimi italiani.

  • Isole della Spagna

Considerata l’area dove si possono fare degli ottimi affari; esse si caratterizzano per un forte impatto turistico grazie alle temperature miti di tutto l’anno. Ad esempio le Canarie e Formentera permettono di acquistare case con 1.500 euro al mq.

USA

Anche in questo paese si potrebbero fare degli ottimi affari. Tra le mete turistiche più gettonate abbiamo New York dove però non è semplice comprare un immobile per via delle leggi statunitensi e dei prezzi proibitivi. Ad esempio, un investimento medio potrebbe arrivare anche a 2.000.000 di euro, ma se questo Paese ti affascina e puoi sostenere una grossa spesa, le zone più appetibili sono al ridosso del Central Park e nel cuore di Manhattan.

Si potrebbe optare di fare investimenti immobiliari anche su Miami e Dallas, o anche altre città del Texas dove trovate facilmente case al 20% di sconto che, secondo le previsioni degli esperti, saranno soggette a rivalutazione nei prossimi anni.

REGNO UNITO

Anche se i prezzi sono molto alti, soprattutto a Londra, si possono fare degli ottimi affari nonostante il prezzo arrivi a toccare i 20.000 euro al mq. La capitale inglese infatti è un’attrazione turistica per molti investitori immobiliari italiani e non solo poiché secondo gli esperti del settore entro il 2019 i prezzi delle case incrementeranno del 25%.

Si potrebbe anche pensare di investire su città universitarie come Oxford, Cambridge o Bristol che sicuramente sono molto più appetibili.

Attenzione però alla Brexit e ai suoi possibili effetti anche sugli investimenti immobiliari.

SUD AMERICA

Investire in Sud America potrebbe essere una soluzione maggiormente adatta a voi. In questa terra si potrebbero portare a termine dei buoni investimenti immobiliare grazie ai prezzi decisamente più bassi, ma anche per i numerosi vantaggi fiscali di cui godono le transazioni di acquisto immobiliare.

Dove investire in immobili 2019: consigli prima di effettuare un investimento

  • Informarsi bene sulle leggi vigenti nel luogo dove si vuole investire;
  • effettuare l’acquisto di un immobile all’estero potrebbe essere conveniente se effettuato con bonifico internazionale, piuttosto che con l’apertura di un conto estero;
  • affidati ad agenzie locali che conoscono le normative e che siano in grado di avvisarvi in caso di eventuali spese extra, sarebbe sicuramente meglio per tutti;
  • visitate sempre l’immobile di persona ed eviterete delle brutte sorprese;
  • meglio informarsi sempre (dai vicini o chi abita nelle vicinanze) per scoprire se state investendo bene o meno;
  • attenzione agli annunci, in quanto potrebbero nascondere delle insidie.

In breve, fare investimenti immobiliari all’estero potrebbe essere molto vantaggioso ma solo se l’investimento viene eseguito con estrema attenzione, senza fretta e analizzando nei minimi dettagli il tutto, senza trascurare la tassazione che può essere molto diversa da quella imposta in Italia.

Investimento immobiliare o finanziario? Previsioni 2019 sulla ripresa del mercato immobiliare

Investimenti immobiliari: convengono ancora?

A questo punto, analizzati alcuni degli spunti su riportati, considerate delle ottime ispirazioni per gli investimenti immobiliari, si potrebbe optare per un’analisi più dettagliata sull’effettiva convenienza, o meno, di questo particolare investimento.

Analizzando il mercato immobiliare, considerando il particolare andamento di questo periodo, possiamo procedere oltre analizzando il quadro completo odierno e comprendere se tale investimento fa o non fa per voi.

I dati che troverete sono analizzati secondo quanto riportato a livello nazionale da famosi e noti portali immobiliari.

Da questa primo analisi ne è derivato che gli ultimi 24 mesi hanno fatto registrare in Italia una diminuzione del prezzo a metro quadro (calato vistosamente).

Questo lo si deve in modo particolare alla crisi economica e alla stretta creditizia delle banche che hanno influito in modo particolare su questi investimenti. Nonostante tutto, nonostante si parla di riprese economiche, ecc., il valore degli immobili continua a scendere inesorabilmente anche se in maniera forse meno drammatica rispetto a quanto è successo in passato.

I prezzi degli immobili stanno facendo registrare un continuo calo!

Tra il 2015 e il 2016 le compravendite sono ripartite ma il 2017 e il 2018 hanno fatto registrare una battuta di arresto (se pur lieve) rispetto agli anni precedenti.

Il 2019 potrebbe far segnare un trend positivo di acquisto degli immobili. Il trend però sarebbe molto frammentato e variegato in quanto questo varia non solo in base alla zona di acquisto in Italia, da regione a regione e da quartiere a quartiere nei paesi.

Attenzione a non farsi prendere dall’ansia e dall’idea che la recessione sia terminata. Anche se si segnalano dei timidi momenti di ripresa, la crisi non sembra essere passata del tutto. Questo vuol dire che il mercato immobiliare si potrebbe ritrovare nuovamente a ripercorrere un periodo di crisi.

Ad oggi possiamo dire che si tratta di un periodo proficuo che mette a punto degli investimenti immobiliari redditizi e probabilmente buoni.

Si deve però aggiungere un altro aspetto, per altro non secondario e che si evince anche dallo studio citato precedentemente; questo è legato all’acquisto della casa per gli italiani subordinata alla concessione del mutuo da parte di una banca.

Non è per questo motivo aumentata la ricchezza dei consumatori!

Si tratta solo di banche che hanno ripreso ad erogare il credito grazie all’aiutino del quantitative easing varato dalla BCE, che però è terminato nel dicembre 2018.

Se si vuole investire nel mattone si potrebbe optare per questo momento che vede in calo i prezzi al metro quadrato e che come tale si suppongono delle condizioni abbastanza favorevoli. Sappiamo bene che il mercato immobiliare va a cicli e come tale nel lungo periodo cresce sempre. Ad esempio, l’ultimo picco si è registrato a metà dei primi anni 2000.

Per queste situazioni eterogenee oggi si potrebbe considerare che i prezzi a breve toccheremo il picco peggiore per poi ritornare a salire. Infatti, i prossimi anni vedranno un aumento dei mutui concessi da parte delle banche con l’immissione di denaro da parte delle Istituzioni Europee che si sono prefissati come obiettivo quello di far scendere i tassi dei mutui.

Con ogni probabilità riprenderanno a concedere mutui a tassi più accessibili e come tale potrebbe aumentare la domanda di persone pronte a comprare casa. I timidi segnali di ripresa economica potrebbero far crescere la domanda del mercato immobiliare strettamente connesso per altro al PIL del paese in crescita. Più ce ne saranno, più chiaramente l’asticella del prezzo degli immobili si alzerà.

Meglio avere immobili o liquidi?

Quanto conviene l'investimento immobiliare?

Quanto conviene l’investimento immobiliare?

Perché non conviene più investire nell’immobiliare nel 2019?

In Italia abbiamo detto che la casa ha un valore particolare. Ad oggi il 73% della popolazione possiede almeno una casa di proprietà. Certamente si tratta di una statistica positiva per il nostro paese. Oggi possedere un’abitazione è un elemento di sicurezza e di stabilità economica.

La maggior parte della popolazione è dell’idea che il mattone sia un investimento sicuro, un bene rifugio, sul quale investire la maggior parte dei propri risparmi.

Oggi infatti si registra un enorme patrimonio immobiliare inutilizzato. Sono tante le persone che possiedono una o più case. Purtroppo non sempre possedere questi immobili è un affare e di seguito vedremo anche il perché.

L’immobiliare è un asset come tutti gli altri

Molti lo considerano un semplice asset come molti altri. Se state valutando l’acquisto di un immobile durante il 2019 è bene che cominciate a entrare nell’ottica che il mattone è solo uno dei tanti modi per investire i tuoi risparmi. Non è il migliore! L’asset immobiliare, dovrebbe essere trattato come un qualsiasi altro asset finanziario. Per tale motivo se volete investire in questo settore dovete tenere presente:

  • Valutazione: scesa negli ultimi 25 anni mediamente del 15%.
  • Tasse: IMU e TASI sono alte nel caso in cui non si tratti di una prima casa. A questi si devono poi aggiungere le tasse locali.
  • Affitto: il tasso di morosità da parte degli inquilini è elevato e gli strumenti legali a disposizione dei proprietari sono limitati.
  • Liquidità: l’investimento immobiliare sappiamo bene essere completamente illiquido e come tale non è semplice vendere la propria abitazione.
  • Diversificazione: se possedete una prima casa siete esposti al rischio legato al settore immobiliare.

In definitiva possiamo affermare che ad oggi anche se il mercato immobiliare sembra in leggera ripresa, non è da considerare come un ottimo affare, almeno per alcuni. Nel valutare questo investimento non si può evitare di non prendere in considerazione i fattori sopra elencati. Quello che dovete fare è sicuramente entrare nell’ottica che il mattone è un asset come tutti gli altri e a cui esistono delle alternative.

Quali previsioni sul mercato immobiliare? Considerazioni finali

Le considerazioni espresse fanno credere che per tutto il 2019 si potranno fare degli ottimi affari. Si tratta certamente di un ottimo anno per effettuare investimenti immobiliare in Italia o quanto meno per iniziare a pensarci.

Ad oggi i prezzi stanno continuando a calare perché l’economia sta dando timidi segnali di ripresa. Le banche dal lato loro sembrano intenzionate a mantenere bassi i tassi dei mutui e a concedere ancora liquidità. Al momento non possiamo affermare quale sarà il momento in cui si toccherà il punto più basso. Per altro si deve sempre considerare che ogni città ha una storia diversa.

Possiamo solo ipotizzare che per nei prossimi 5 anni si potrebbe registrare un timido segnale di ripresa anche nel settore immobiliare. Al momento le migliori soluzioni sembrano essere quelle di effettuare degli acquisti di immobili legati ad aree vicine alle università o effettuare degli acquisti di immobili in luoghi turistici da destinare all’affitto con contratto transitorio.

Essendo poi che vi è una maggiore volatilità negli inquilini, il continuo ricambio e le condizioni economiche mediamente più elevate di chi alloggia, dovrebbero dare delle garanzia maggiori rispetto alle locazioni in zone residenziali.

Se invece volete investire in una zona residenziale, allora potete farlo comprando degli immobili di fascia medio-alta che potete poi locare a persone in grado di fornire adeguate garanzie economiche.

Tutto questo non può non prescindere dalla considerazione che nulla è più a tempo indeterminato. Anche in questo caso non si deve escludere il fatto che un lavoratore con tutte le carte in regola tra qualche anno, possa non essere più in grado di pagare.

Certamente investire in immobili comporta sempre dei rischi.

Alternative all’investimento immobiliare

Infine, si potrebbe optare per il subaffitto nel caso in cui non si abbia abbastanza denaro o esperienza per avviare un’operazione di compravendita.

In alternativa, invece si potrebbe pensare di dirottare altrove i propri investimenti. Come fare? Semplicemente ricercando altre strategie e altre fonti di rendimento.  A tal proposito consigliamo i nostri approfondimenti:

CONTO DEMO

Apri un conto eToro.com

Prova il trading Forex con eToro.com! Scopri il social trading e il copy trading aprendo un conto demo e copia i Popular Investor! Sceglie eToro.com e il social Trading!

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Plus500 Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Alvexo Deposito: 500 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com