Investire 100 mila euro nel 2020: come e dove?

Pubblicato da: TommasoP - il: 19-03-2019 16:14 Aggiornato il: 18-02-2020 13:00

Come investire 100 mila euro nel 2020? Ve lo siete mai chiesto?

🥇I mercati si stanno muovendo velocemente. Fai trading delle potenziali opportunità con FXCM. – Prezzi di acquisto e vendita reali – €50.000 di denaro virtuale – ✅ Apri il tuo demo gratuito >>

🥇I mercati si stanno muovendo velocemente. Fai trading delle potenziali opportunità con FXCM. – Prezzi di acquisto e vendita reali – €50.000 di denaro virtuale –Apri il tuo demo gratuito >>

Sono tanti gli investitori che cercano un modo alternativo su come investire oggi (2020) 100.000 euro. Anche se l’italiano medio considera questa cifra come irraggiungibile, se non nel lungo periodo, vi è una parte di investitori (più o meno il 20%) che ricerca forme di investimento idonee a queste cifre.

Dunque, partendo dal presupposto che un investitore possiede 100 mila euro da investire nel 2020, la domanda che si potrebbe porre è:

  • Dove investire 100 mila euro?
  • Come investire cento mila euro?
  • Su quali strumenti puntare? In quali proporzioni?

Di questo e di molto altro te ne parleremo all’interno di questo nostro approfondimento.

Come investire 100 mila euro nel 2019
Come investire 100 mila euro nel 2020

Come investire 100.000 euro nel 2020

Investire 100 mila euro nel 2019
Investire 100 mila euro nel 2020

Il primo passo da compiere, quando si vuole investire, è capire come e dove investire una determinata somma di denaro. Questo concetto lo dovete tenere presente a prescindere che si tratti di 100 € o di 1.000 euro o anche 100 mila euro. Tutto dipende dalla tua propensione al rischio e dal tipo di investimento che intendi effettuare.

Ad esempio, potresti optare per investire con il fai da te e il trading online. Prima di fare questo, però devi porti alcune domande:

  • Cos’è il trading online?
  • Come investire nel trading online?
  • Quanto tempo posso dedicare agli investimenti?
  • Quanto denaro investire nel trading online?

Sono domane a cui solo tu puoi dare una risposta.

Prima di fare scelte azzardate ricordiamo che investire nel trading online non è semplice e per altro richiede una propensione al rischio abbastanza alta. Non ti puoi permettere di investire denaro che ti serve per altri investimenti vitali. Ad esempio, non puoi permetterti di perdere del denaro che ti serve per vivere.

Devi investire solo la parte del denaro che nel breve e medio periodo puoi permetterti di investire, che non serve per la spesa quotidiana e che potresti anche rischiare di perdere. Se non la possiedi, sarebbe meglio lasciar perdere.

Purtroppo investire 100 mila euro con il fai da te non è semplice. Devi essere obiettivo e realistico prima di tutto con voi stessi e dovete determinare il vostro profilo di rischio, come anche misurare la vostra propensione legata al rischio finanziario.

Questo è un primo passo per capire se davvero puoi investire, se questo tipo di investimento fa al caso tuo e se davvero questo tipo di investimento ti permette di raggiungere quella libertà finanziaria di cui tutti parlano.

Infine, devi definire (in modo preciso) i tuoi obiettivi d’investimento. A questo argomento è strettamente connesso quello di vincolo dell’investimento. Si tratta di due processi compensativi che solitamente caratterizzano un professionista.

Investire 100 mila euro: nozioni importanti

Ovviamente investire non è semplice e come sempre ci sono delle regole ben precise da seguire. Il mercato dispone di caratteristiche che non si possono ignorare. Tra queste ricordiamo:

  • Il rischio è proporzionale al guadagno.
  • Diversificare l’investimento è fondamentale.
  • Nel corso del tempo cambieranno i vostri obiettivi.
  • Cambia il grado di rischio;
  • Cambiano le condizioni del mercato.

A questo punto, se hai deciso di investire con il fai da te, devi chiederti:

Dove investire 100 mila euro?

come investire 100.000 euro esempio
Come investire 100.000 euro – esempio

Solo dopo aver compreso come investire, puoi passare a scegliere gli asset su cui investire. Questo passaggio è importantissimo al fine di capire dove investire i tuoi 100 mila euro. A ben vedere si tratta di un passaggio propedeutico al primo. Devi analizzare bene tutti gli asset per capire dove investire. Questo permette di comprendere e di allocare bene i tuoi risparmi. Per altro lo devi fare sempre e solo suddividendolo tra le varie attività di investimento.

Anche se potrebbe sembrare abbastanza semplice, non lo è per nulla. Questa fase per molti è considerata come la fase dell’investimento più critica in assoluto. Non è semplice per te (in quanto risparmiatore) possedere tutte le caratteristiche dell’asset, come:

  • Dati economici;
  • Tecniche,
  • Competenze.

Queste caratteristiche sono importantissime al fine di individuare e organizzare il tuo denaro e minimizzare il rapporto tra rendimento e rischio.

A questo punto, ipotizzando la somma d’investimento minima di 100mila euro, passiamo ad analizzare alcune caratteristiche essenziali dell’investimento; ti devi chiedere:

  • Su quali strumenti puntare?
  • In quali proporzioni?

Comprendere bene come suddividere il capitale è molto importante. Per altro farlo oggi è importantissimo perché le condizioni di mercato possono essere oggetto di rapidi mutamenti; una buona diversificazione permette di compensare perdite con guadagni. La diversificazione è importantissima anche perché quello che oggi è un ottimo asset, potrebbe non esserlo fra diverse settimane.

Ogni investimento deve essere monitorato e aggiustato; questo rappresenta una grande difficoltà legata all’investimento del fai dai te. Ecco il perché devi gestire il tuo portafoglio e devi suddividere l’investimento in modo da compensare gli investimenti.

Ovviamente tutto questo deve essere sempre e solo rapportato al rischio dell’investitore (la propensione che hai al rischio legata all’investimento).

>>Approfondimento: Come e dove investire i risparmi nei prossimi 5 anni?

Quando investire 100.000 €?

Come investire 100 mila euro nel 2019 2
Come e quando investire 100 mila euro nel 2020

Certamente non è semplice comprendere quando devi investire queste somme di denaro e soprattutto dove investirle. La scelta del momento di ingresso a mercato riveste una grande importanza.

Se sei un investitore che sa qual è il momento giusto per entrare e uscire dal mercato, allora sei al riparo dalla volatilità. Purtroppo oggi non vi è un sistema di timing perfetto; ci sono sempre dei punti deboli.

Invece di cercare di schivare l’ostacolo, sarebbe meglio imparare a conviverci e affrontarlo. Subire delle fluttuazioni negative è il prezzo da pagare per ottenere un rendimento. Un ribasso presto o tardi arriverà. Non è possibile annullarne completamente gli effetti. Al massimo potresti cercare di contenere i danni scegliendo un’allocazione ottimale per te, accettando le conseguenze.

Un eccesso di prudenza conduce a risultati mediocri in termini di guadagno anche se ti senti più al sicuro che il tuo capitale non subirà delle perdite.

Come investire 100.000 euro? Il profilo d’investitore

Investire 100.000 euro in base al profilo dell'investitore
Investire 100.000 euro in base al profilo dell’investitore

Molto spesso si pensa solo a come investire 100.000. Ovviamente questo primo approccio è completamente errato. Quello che ti devi chiedere non è dove e come investirli, ma perché investire.

Un buon investimento parte dall’elaborazione di un piano che implica l’identificazione del proprio profilo di rischio. Si deve cercare sempre di avere un proprio piano d’investimento che sia adatto alle vostre esigenze e in linea con il profilo di rischio. In pratica il primo passo, non facile e non veloce per investire è proprio questo.

Da qui devi poi passare ad analizzare l’orizzonte temporale e gli obiettivi che vuoi raggiungere contenendo le emozioni. Investire oggi vuol dire proteggere e accrescere il proprio risparmio nel tempo, entro determinati limiti di rischio certi. Mettere a rischio il denaro può comportare dello stress. Ecco perché quando si investe si deve correre il rischio di perdere il capitale.

Le rendite finanziarie sono la remunerazione del rischio. Ecco un altro importante motivo per il quale si devono prendere delle decisioni oculate ed essere sicuri di ciò che si sta facendo.

Attenzione a non confondere l’investitore con lo scommettitore.

Ovviamente anche se per certi questa somma è davvero importante, non lo è per altri. Individuare la strada più confortevole è importante per pianificare i propri obiettivi. Generare un rendimento del 15-20% del capitale è un ottimo affare. Riuscirci è però difficile anche se non impossibile. Si deve essere consapevoli che replicarli nel corso del tempo è molto più difficile.

Questo discorso vale anche per il fai-da-te in quanto non tutti gli investitori sono in grado di portare a termine l’investimento ed in questo caso sarebbe meglio affidarsi a chi possiede le competenze e il tempo necessari per farlo.

Come investire 100.000 euro: la soluzione più efficiente

Certamente una strategia di medio-lungo termine non sempre è quella ideale; essa potrebbe anche non regalare delle soddisfazioni immediate e allo stesso tempo potrebbe risultare poco eccitante anche se potrebbe certamente essere la strategia migliore per te.

Chi ha esperienza sa quanto sia ancor più ragionevole scartare l’ipotesi di parcheggiare 100.000 euro in un conto corrente. Sarebbe interessante dunque valutare una delle soluzioni riportate in seguito, in questa guida.

Se davvero vuoi investire 100.000 euro, devi necessariamente diversificare il portafoglio. Una scelta giusta sicuramente che permette di investire il capitale in più parti come ad esempio si potrebbe optare per dividere 100.000 euro in 3 o 4 tipologie differente. In questo caso una buona diversificazione potrebbe portarti a un buon investimento redditizio.

Purtroppo gestire un capitale di questo tipo non è semplice anche se molti oggi affermano il contrario. Si tratta sicuramente di gente poco professionale e poco seria.

Investire 100.000 euro senza rischi: orizzonte temporale lungo e controllo dei costi

Più volte lo abbiamo detto; la diversificazione è il metodo migliore per proteggere e mettere il capitale al riparo da alcuni rischi specifici i quali potrebbero colpire l’investimento.

Diversificare l’investimento vuol dire selezionare dei prodotti con caratteristiche diverse. In pratica, nel caso in cui si venisse a verificare la peggiore delle ipotesi, il tuo capitale sarebbe tutelato in quanto il peso di ogni singolo investimento costituirà solo una frazione del totale.

Certamente non è semplice scegliere gli asset giusti. Meglio diffidare da chi vi dice il contrario e soprattutto da coloro che affermano che investire l’intero patrimonio in un singolo titolo è un buon affare. Sicuramente c’è qualcosa dietro!

Come investire 100.000 € in modo intelligente?

Investire in modo intelligente 100.000 euro
Investire in modo intelligente 100.000 euro

Per investire in modo intelligente i proprio soldi si deve guardare al portafoglio che potrebbe essere gestito in modo differente. Ad esempio, un portafoglio con rischio medio/alto potrebbe essere quello tipico di un professionista di 40 anni, che risparmia 2.000 € al mese e con propensione al rischio medio/alta.

Consigli per investire 100.000 € in modo sicuro

Sappiamo bene che la sicurezza assoluta in finanza non esiste e non è mai esistita. Se sicurezza significa che il tuo capitale non dovrà mai scendere, nemmeno un giorno, allora puoi investire con queste due soluzioni:

  • Conto corrente;
  • Conto deposito.

Al momento sono gli unici strumenti finanziari che vi danno la certezza assoluta di non perdere mai. Attenzione poi alla sicurezza non solo legata alla banca ma anche all’inflazione. Sarebbe opportuno investire in questo settore solo nel caso in cui siete dell’idea che a breve (max. 4 – 5 anni) il tuo capitale viene speso.

Certamente investire soldi nei conti deposito per periodi lunghi è una delle cose peggiori che possiate fare. Questo se da un lato ti offre la garanzia del capitale fino a 100 mila euro, dall’altro non offre interessi e per altro perdete potere di acquisto.

Come investire 100 mila euro in modo prudente

Se invece sei dell’idea di investire e ottenere un guadagno del 2-3% medio annuo e sei disposto ad accettare una volatilità contenuta, entro il 7 o l’8% allora puoi investire seguendo questo schema:

  • azioni: 20%;
  • obbligazioni: 70%;
  • commodities e liquidità: 10%.

Se questa diversificazione viene fatta usando degli strumenti adeguati, allora puoi investire al meglio il tuo capitale senza correre grossi rischi. L’investimento prevede un tempo minimo di 4 o 5 anni ed accettare comunque periodi negativi, il cui impatto tuttavia sarà limitato nel tempo.

Investire 100.000 € in modo redditizio

Se vuoi ottenere un guadagno superiore al 2-3% medio annuo dal vostro capitale, allora puoi ambire a degli investimenti differenti che offrono rendimenti migliori ma molto più volatili. In questo modo si potrebbe optare per un periodo di tempo dell’investimento molto più lungo e con un approccio dunque più conservativo.

Un portafoglio di questo tipo potrebbe essere così composto:

  • azioni: 40%;
  • obbligazioni: 50%;
  • liquidità e commodities: 10%.

Il rendimento potenziale potrebbe arrivare ad un 5-6% annuo.

Infine, potresti pensare per una strategia molto più aggressiva con il chiaro intento di far crescere il capitale negli anni. Qui potresti optare per investire su:

  • azioni: 70%;
  • obbligazioni: 25%;
  • liquidità e commodities: 5%

Un rendimento realistico, facendo una media su 8-10 anni potrebbe garantire il 7-8% annuo.

Vuoi investire con il trading online? Prova eToro! Aprire un conto è gratis, devi solo depositare almeno 200$, che puoi investire da subito in quello che vuoi! Oppure apri un conto demo gratuito e fai simulazioni con denaro virtuale!

Apri qui il tuo conto eToro!

Quanto rendono 100.000 euro?

Quanto rendono 100mila euro
Quanto rendono 100mila euro

Per capire quanto rendono 100.000 euro devi comprendere il seguente passaggio.

Come dividere il capitale?

Questo passaggio viene connesso al come e al dove investire il tuo capitale.

Ad esempio potresti optare per investire un 60% del vostro portafoglio in investimenti azionari legati ai Paesi sviluppati.

Potresti scegliere di fare trading su azioni di questi Paesi e, allo stesso tempo, rischiare una buona parte del capitale con investimenti definiti abbastanza sicuri (ma non sicuri al 100%).

La restante parte (40%), potrebbe essere ancora suddivisa.

Ad esempio potresti investire un 10% in titoli di stato, definiti come investimenti sicuri (al 99%) che garantiscono il vostro capitale e un interesse minimo (ritorno economico), a meno che non fallisca lo Stato. Ipotesi che si potrebbe azzerare nel caso in cui non si investa su paesi emergenti. Per altro questo investimento è indicizzato all’inflazione.

Potresti optare, poi, per investire un altro 10% in bond governativi di paesi sviluppati; un altro 10% del vostro portafoglio in azionario emergenti e il restante 10% in obbligazioni governative emergenti.

In pratica la suddivisione in termini economici sarebbe questa:

  • 60mila euro in titoli azionari di mercati sviluppati;
  • 10mila euro in obbligazioni governative europee indicizzate all’inflazione;
  • 10mila euro in obbligazioni governative legate ai paesi sviluppati;
  • 10.000 euro in titoli azionari di mercati emergenti;
  • 10.000 euro in obbligazioni governative di paesi emergenti.

In questo modo avete diversificato il vostro portafoglio azionario, investendo la maggior parte del vostro capitale in investimenti con rischio ridotto e una piccola parte in investimenti con rischio maggiore.

Se si confermano le vostre previsione di guadagno per tutti gli asset allocation, allora otterrete un ottimo profitto dal vostro portafoglio diversificato. Nel caso in cui una parte del portafoglio chiude in negativo, la parte di guadagno andrebbe a compensare le perdite e ammortizzare il colpo.

Un altro sistema di diversificazione, invece, potrebbe essere quello di tipo conservativo.

In questo caso avresti un portafoglio di questo tipo:

  • 60% del proprio portafoglio in strumenti di liquidità (60.000 euro);
  • 20% in obbligazioni governative europee indicizzate all’inflazione (20.000 euro);
  • 5% in bond governativi di paesi emergenti (5000 euro);
  • 5% in bond governativi di paesi sviluppati (5000 euro;
  • 9% in azionario di paesi sviluppati (9000 euro);
  • 1% in bond societari di categoria investment grade (1000 euro).

Infine, l’ultimo sistema di investimento diversificato è quello che si trova nel mezzo. In questo caso la suddivisione cambia leggermente per gli investimenti definiti più sicuri. Potresti dunque seguire questo schema:

  • 30% in obbligazioni governative europee indicizzate all’inflazione (30.000 euro);
  • 35% in titoli azionari di mercati sviluppati (35.000 euro);
  • 5% in obbligazioni governative di paesi emergenti (5000 euro);
  • 20% in obbligazioni governative di paesi sviluppati (20.000 euro);
  • 5% in bond societari di categoria investment grade (5000 euro);
  • 5% in bond societari di categoria high yield (5000 euro).

Investire 100 mila euro nel 2020: breve o lungo termine?

A questo punto vi abbiamo illustrato come suddividere il capitale. Ora devi solo stabilire che tipo di investimento fare. Tieni presente che la diversificazione del portafoglio su illustrata è una diversificazione teorica che deve essere sempre comprovata dalla tua strategia di investimento. Ovviamente se è una strategia di investimento a lungo termine si prediligono determinati investimenti più tosto che altri, ecc. In ogni caso non è da considerare un consiglio di investimento, ma solo un possibile spunto. Ricorda che la responsabilità su come investite il tuo denaro resta solamente tua.

Nel caso specifico, possedendo 100 mila euro potresti puntare ad avere un rendimento nel lungo termine e quindi potresti prediligere investimenti che offrono un rendimento minore rispetto ad altri asset, ma che come tali hanno un rischio minore e quasi pari a zero. Ecco il perché si deve sempre dividere la somma su di una moltitudine di prodotti, al fine di minimizzare il rischio.

Potresti optare solo per investire una piccola parte del vostro capitale (solitamente non superiore al 10%) su asset rischiosi; sono questi che sono potenzialmente più redditizi (se le cose vanno bene), ma nel lungo periodo potrebbero essere un vero e proprio rischio. Potreste anche seguire strategie a medio-lungo termine ed in questo caso è possibile che nel corso del tempo cambi la visione dell’investimento come anche la propensione al rischio.

Ecco il motivo per il quale è preferibile monitorare sempre e periodicamente le forme di investimento scelte e allo steso tempo essere propensi a un cambiamento di strategia.

Investire 100 mila euro nel 2020 con i beni rifugio, conviene?

Investire nei beni rifugio potrebbe essere una buona idea? Certamente sì, ma solo a determinate condizioni. Prima di parlare di investimenti con i beni rifugio, devi comprendere che cosa intendiamo per bene rifugio.

Definiremo bene rifugio quel bene dal valore intrinseco, che detiene un valore costante nel tempo. Uno dei beni rifugio per eccellenza è l’oro. Purtroppo investire in oro non è semplice e soprattutto non vuol dire necessariamente acquistare dei lingotti.

In questo caso potresti parlare di investimenti in ETC o ETF che replicano il valore dell’oro. In alternativa potete anche scegliere di investire sottoscrivendo dei contratti derivati che hanno la materia preziosa come credito sottostante.

Nota però che potrai avere guadagni dall’oro solamente sui dividendi incassati nel momento della vendita in quanto l’oro, di per sé, non produce ricchezza se non grazie alla sua rivalutazione e quindi nel momento in cui viene rivenduto.

Come investire 100 mila euro nel 2020 con gli ETF?

Potresti optare per investire con gli ETF una somma molto simile ai 100 mila euro. In questo caso, puoi investire con un mix di ETF azionari, variabile in base al tipo di rischio che vi potete permettere di correre.

Ad esempio, se ti puoi permettere un livello di rischio medio – basso sarebbe meglio optare per investimenti sotto i 40.000 euro con un conto deposito. Si potrebbe invece diversificare il restante 60% sugli indici:

  • Usa (60%);
  • Europei (25%);
  • Paesi emergenti (10%);
  • Mondiale (5%).

Se invece prediligi un rischio di livello più elevato, potresti investire l’intera somma seguendo la diversificazione su proposta.

>>Approfondimento: Investire in ETF: cosa significa, come e dove farlo

Come investire 100 mila euro nel 2020 con i Titoli di Stato

btp-bond-rendimenti-negativi-638x342
Investire 100.000 euro in titoli di Stato

I Titoli di Stato non sono mai visti come un investimento redditizio nel breve periodo per via del rischio minimo a cui sono soggetti. Si tratta di investimenti su prodotti che ti offrono un rendimento poco interessante, soprattutto se sei tra coloro che vogliono guadagni alti.

Ovviamente come puoi presumere, si tratta di investimenti a basso rischio in quanto non si va ad investire in obbligazioni di Stati Emergenti, il cui investimento rimane ben distinto. Tuttavia all’aumentare del rischio (uno Stato non che non paga i suoi creditori), maggiore è il rendimento dei titoli di Stato per quella nazione.

Nel caso dei BTP italiani, questi rendono molto più dei Bund tedeschi o dei Bond Americani proprio perché considerati maggiormente rischiosi.

Anche per le imprese il sistema di valutazione è identico. Se non vuoi guardare agli Stati e vuoi investire con le aziende, devi guardare al rating; se quest’ultimo è buono, si ha un rischio basso e di conseguenza anche il rendimento. In pratica, il meccanismo è identico.

Uno strumento invece molto più rischioso è quello azionario; esso frutterà dividendi agli azionisti che è differente dalle obbligazioni per le quali invece è prevista una cedola.

Come investire 100 mila euro nel 2020 con le criptovalute

Si potrebbe guardare altrove come alternativa all’opera di diversificazione del proprio investimento.

A questo punto, prendendo come punto di riferimento la somma di 100 mila euro, si potrebbe pensare di investire una parte di essa, molto limitata, in criptovalute. Questo settore è altamente rischioso in quanto altamente volatile.

Ci sono alcuni grandi trader ed esperti investitori che si dicono scettici nei loro confronti. Ci sono invece altri investitori che guardano di buon occhio questo mercato alternativo e come tale sono favorevoli ad investire una parte della somma accumulata.

Ovviamente si deve sempre e solo trattare di una piccola parte e per altro, si potrebbe puntare su criptomonete solide. Oggi tra le più interessanti spiccano l’evergreen Bitcoin (BTC), Ethereum e Ripple.

Al momento tutte le criptovalute hanno subito un boom tra il 2017 e l’inizio del 2018. Purtroppo poi sono state trascinate all’interno del vortice e sono crollate di prezzo. Questo lo abbiamo visto per tutto il 2018. La situazione ancora oggi la si può monitorare con attenzione; solitamente però si punta al BTC, definita come la criptovaluta per eccellenza e come tale trascina l’andamento delle altre criptovalute (nel bene e nel male).

Ecco uno dei motivi per il quale sarebbe consigliabile investire una piccola parte della propria somma in questo campo. Ovviamente non esagerando!

>>Approfondimento: Il bitcoin lo possiamo considerare il nuovo oro? Opinioni e analisi degli esperti

Investire 100.000 € in startup innovative, conviene?

Cosa vuol dire investire per il futuro?
Cosa vuol dire investire per il futuro?

Potrebbe esserlo anche se ci sono delle eccezioni. Premettendo che il settore produttivo italiano è fondato sulle PMI, negli ultimi anni, si è assistito alla nascita di startup e PMI innovative che rappresentano le nuove imprese. queste oggi si innestano in un settore ad elevato valore e che sono definite tali in quanto possono raggiungere risultati sorprendenti anche perché sono ricche di potenzialità che da oggi si possono cogliere al volo nel settore degli investimenti.

Investire in attività di questo tipo vuol dire investire nel nostro Paese in Startup o PMI Innovative grazie allo strumento dell’Equity Crowdfunding, ovvero un canale regolamentato dalla Consob che offre la possibilità di acquistare quote o azioni delle aziende italiane che hanno ottime possibilità di crescita. Grazie a questo sistema potrete investire i tuoi 100.0000 euro o parte di questi in settori di grande crescita e allo stesso tempo sfruttare i seguenti vantaggi:

  • procedura di investimento online;
  • rivalutazione delle quote;
  • detrazione IRPEF o IRES del 40%;
  • dividendo annuo.

In alternativa potreste investire in altri metodi, definiti sicuri al 100% come i Buoni Postali garantiti dallo Stato e le Obbligazioni garantite dallo Stato, italiane od estere o i Conti Deposito.

>>Approfondimento: Investimenti redditizi per guadagnare con il minimo rischio

Come investire 100 mila euro con il risparmio gestito?

Puoi anche investire 100 mila euro con il risparmio gestito; questa forma di investimento solitamente viene preferita nel momento in cui ti ritrovi a non avere tempo, voglia o consapevolezza per darti da fare in prima persona.

Ecco che se rientrate in questa categoria, sei un prospect ideale per il risparmio gestito.

Centomila euro in banca: conviene investire con i conti deposito

Oggi i conti deposito offrono interessi in calo e delle piccole occasioni ottime. Anche se una parte degli investimenti sono sicuramente destinata a questo tipo di attività, molti definiscono il conto deposito come una mera possibilità che ha scarso interesse (ovviamente considerando queste somme di denaro).

Investire in conti deposito presuppone investire solo la somma di denaro che si vuole mettere al sicuro e che non la si vuole perdere (anche se gli interessi sono limitati).

Questa percentuale rappresenta un possibile cuscinetto con il quale vivere in caso di problemi. Anche i rendimenti sono basi tranne che non si decida per vincolare somme di denaro per lunghi periodi. In termini di garanzia, invece, i conti deposito come anche i conti correnti sono garantiti dal fondo interbancario fino ad un massimo di 100.000 €.

Al di sotto di questa soglia puoi stare sicuri in quanto avete una copertura totale, anche in caso di fallimento della banca da parte del Fondo di Tutela dei Depositi, che copre le somme depositate.

>>Approfondimento: Conto corrente o Conto deposito? Cosa è meglio?

Cosa faccio con 100.000 euro? Investo in fondi comuni?

Anche se la gestione del risparmio collettivo prevede la possibilità di investire in fondi di investimento o SICAV, molti la conoscono in quanto è una delle forme di risparmio più gettonate degli ultimi anni. Tanti affermano che questo sistema di investimento gli permette di far accrescere capitali senza che ci sia un interessamento costante e diretto da parte del risparmiatore.

Oggi ci sono delle società di gestione al cui interno impiegano esperti che si preoccupano di gestire il capitale raccolto. Ce ne sono di diversi tipi e per tutti i profili di rischio come anche per tutte le tasche, che permettono praticamente a tutti di trovare il prodotto che fa al caso loro.

Nello specifico è possibile scegliere di investire su:

  • Fondi azionari (definiti certamente abbastanza rischiosi ma che prevedono una diversificazione tale da ridurre il rischio. Si tratta di portafogli di investimento basati in percentuale variabile su azioni;
  • Fondi bilanciati: rappresentano un buon assortimento tra:
    • obbligazioni;
    • investimenti liquidi;
    • azioni;
      permettono di avere un grado di rischio variabile e permettono anche di comprendere quella che è la composizione precisa del portafoglio in modo da interessarti soltanto di quelli che facciano davvero al caso vostro;
  • Fondi immobiliari: sono trattati su mercati regolamentati e sono ideali in quanto permettono di accedere a portafogli all’interno dei quali si possono trovare soltanto immobili e azioni di società immobiliari;
  • Fondi obbligazionari: si tratta di investimenti che comprendono le principali obbligazioni e quindi sono mediamente meno rischiose delle altre. Esse sono adatte per tutti quelli che vogliono investire in titoli di stato e obbligazioni private senza gestire direttamente il proprio portafoglio.

Ecco che se vuoi investire in fondi devi però necessariamente tener conto del fatto stesso che si tratta di gran lunga del metodo di investimento più costoso a livello di commissioni. Questo in pratica non sempre potrebbe essere conveniente se confrontato con la gestione diretta del proprio capitale.

Migliore investimento oggi: quale scegliere?

Quale è il miglior investimento di oggi?

Si potrebbe pensare di investire una parte dei 100 mila euro in azioni che riescano a dare una certa sicurezza ed un certo rendimento, a livello di dividendo e di aumento del valore del titolo stesso. Ad esempio si potrebbe pensare di investire con i CFD su azioni quali:

  • Poste Italiane;
  • Google;
  • Facebook;
  • Apple;
  • Ferrovie;
  • Ferrari;
  • Tesla.

Investire 100.000 € in azioni

Molti la definiscono una solida alternativa, ma sarà davvero così? Per definizione le azioni sono uno strumento ottimo per investire capitale di rischio.

Sarebbe meglio però non rischiare oltre una piccola percentuale. Diversificare l’investimento e cercare di limitare i rischi sarebbe ottimo, sopratutto se si vuole investire su azioni diversificandole e tendo presente alcune caratteristiche come:

  • comparto;
  • stabilità dell’azienda;
  • dividendi.

Gli investimenti in azioni possono dare delle grosse soddisfazioni, ma richiedono una certa costanza, presenza sul mercato e conoscenza del settore, se non anche voglia di imparare.

Come investire 100.000 euro 2020: considerazioni finali

Dove investire nel 2019? Tutti i settori redditizi
Dove investire nel 2020?

Siamo giunti al termine del nostro approfondimento. Da quello che hai appreso, sicuramente hai compreso che non siamo tutti uguali.

Abbiamo detto che il denaro non è esattamente uguale per tutti e di conseguenza cambiano gli investimenti. Cambia anche la propensione al rischio e la propria situazione personale. Per tale motivo, la stessa somma può assumere una connotazione totalmente differente in base ai soggetti e ai casi.

In linea di massima possiamo dire che i soggetti che hanno a disposizione cifre importanti le possono investire in modo differente perché differenti sono i metodi con il quale li hanno ottenuti.

  • Eredità;
  • Vincita improvvisa
  • Risparmi di una vita
  • Risparmi + TFR
  • Attività d’impresa o professionale.

Da qui è chiaro e semplice comprendere che la situazione è molto differente in base alla tipologia di investimento e per altro comporta il possedere un atteggiamento mentale diverso che lo studio e la formazione sono complementari e alla base di tutte queste fattispecie.

Il nostro obiettivo certamente è quello di fornire il più elevato numero di informazioni possibili al fine di aiutarti nella tua scelta. Sarai tu ovviamente a scegliere come e dove investire i tuoi 100.000 €.

Scopri la piattaforma di IQ Option!

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un Commento

Perché investire da solo ? Inizia a copiare automaticamente gli investimenti dei migliori traders al mondo.

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74/89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

etoro

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di social trading

Unisciti a milioni di trader che hanno già scoperto il modo più intelligente per investire copiando automaticamente i trader più esperti della nostra community, oppure fatti copiare e ricavane un secondo reddito.

Unisciti alla rivoluzione del social trading di eToro.

Unisciti alla nostra community, condividi le tue strategie di trading e utilizza la funzione di CopyTrader™.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Su ogni nuovo account eToro verrà accreditato $100.000 in un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.