Bot e Btp: che differenza c’è?

Pubblicato da: MatteoT - il: 22-09-2012 15:01 Aggiornato il: 20-08-2018 15:42

In un periodo economicamente così travagliato come questo, molti italiani hanno riscoperto i propri titoli di Stato. Troppo spesso, però, si fa confusione sugli strumenti a disposizione. I principali, come ben sappiamo, sono i Bot ed i Btp. Ma che differenza c’è tra i due? Scopriamolo assieme.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Iniziamo dalla definizione: i Bot sono i Buoni Ordinari del Tesoro, mentre i Btp stanno per Buoni del Tesoro Poliennali. Già da questo si intuisce una prima differenza: la durata. I primi rappresentano un investimento a breve termine e presentano scadenze a 3, 6 o 12 mesi, i secondi si estendono per 3, 5, 10, 15 o 30 anni.

Un’altra differenza molto importante è il rendimento. I Bot hanno un guadagno dato dallo ‘scarto di emissione’, ossia la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto. Nei Btp, invece, il guadagno è dato, oltre che dall’eventuale scarto di emissione (in asta possono essere acquistati anche a più o a meno di 100) da cedole fisse pagate con cadenza semestrale.

Da questo ne deriva un’altra; il rischio. I Bot, essendo a breve termine, presentano un rischio minore rispetto ai Btp che, invece, si detengono per almeno 3 anni. Ovviamente questa differente durata e, di conseguenza, questo rischio diverso determinano rendimenti più alti per i Btp rispetto ai Bot.

Una similitudine, Bot e Btp, ce l’hanno in fase di collocamento. Entrambi vengono offerti mediante aste mensili dal ministero dell’Economia e delle Finanze. I risparmiatori, ricordiamo, possono acquistare i titoli di Stato oggetto dell’asta esclusivamente rivolgendosi alla propria banca o ad altro intermediario finanziario autorizzato.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

 

ESCLUSIVO E TESTATO!

 

Ricevi gratuitamente i segnali di Trading Central!
Segnali Forex e multi-asset + Analisi di Trading Central