Auto: ancora crollo delle vendite. Francia e Spagna gli Stati peggiori

Pubblicato da: MatteoT - il: 04-12-2012 17:54

Non sembra arrestarsi la crisi del mercato delle auto. In Francia, nel mese di novembre 2012, le immatricolazioni di nuove auto sono scese del 19,2% attestandosi a 144.694 unità. E’ quanto rende noto il Ccfa, ossia il Comitato di Costruttori Francesi di Automobili che, tra l’altro, avverte che questo potrebbe essere l’anno peggiore per il settore dal 1998.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Psa Peugeot Citroen e Renalut hanno dovuto registrare dei crolli, rispettivamente, del 22,9 e del 33,5%. Più contenuto il ribasso del gruppo Fiat (-10,6%). Sugli 11 mesi, le immatricolazioni francesi sono diminuite del 13,8%: se la tendenza continuerà a dicembre, “il 2012 sarà il peggior anno dal 1998”, ha detto il portavoce di Ccfa.

Anche la Spagna è su questi livelli; le vendite di auto nuove nell’undicesimo mese dell’anno in corso hanno subito una flessione del 20,3% che, tra l’altro, è stata attutita dal nuovo piano di aiuti al settore, denominato Pive che è partito lo scorso 1° ottobre 2012.

E’ quanto annunciato dall’Associazione nazionale dei produttori di automobili anfac. Complessivamente, a novembre sono state immatricolate 48.155 Vetture rispetto alle 60.395 Di novembre 2011. Negli 11 mesi il calo è stato pari al 12,6% e le nuove vetture immatricolate 648.392.

Vendite in calo anche in Giappone dove le immatricolazioni sono scede del 3,3 per cento rispetto all’anno precedente a 243.974 unità. Lo ha comunicato l’Associazione nazionale dei concessionari. Il Paese del Sol Levante sconta la fine degli incentivi del governo.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.Il 66% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore.
Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.