Carte di credito e contante: cosa è più sicuro?

Pubblicato da: MatteoT - il: 12-12-2012 11:16

Carte di credito o contante? Cosa risulta essere più sicuro tra questi due metodi di pagamento? Cerchiamo di fornire una risposta partendo, però, da un assunto di fondamentale importanza che spiega la loro evoluzione nel nostro Paese: l’adozione e la diffusione della “moneta elettronica” in Italia è stata limitata da falsi miti che l’hanno circondata.

Le carte, mediamente, risultano essere senza dubbio più sicure dei contanti, dal momento che in caso di furto o smarrimento è possibile richiedere il blocco immediato chiamando i numeri suggeriti dall’operatore. Qualunque addebito effettuato dopo il blocco, a parte una franchigia di 150 euro, verrà rimborsato. Altrettanto non avviene per il denaro contante che, una volta smarrito o rubato, non sarà facilmente rintracciabile.

Discorso diverso in caso di clonazione della carta, dove il rimborso lo si ottiene andando, semplicemente, a contestare gli addebiti illeciti. Numerose carte, ormai, offrono un servizio di “alert” inviando un messaggio sul telefonino per segnalare le spese effettuate e consentendo di avere una gestione, in tempo reale, dei movimenti di cui la carta di credito è oggetto.

Capitolo acquisti online: forse soprattutto grazie alla crisi economica degli ultimi anni, questi sono aumentati. La maggior parte dei siti specializzati in compravendita online utilizza protocolli di sicurezza riconosciuti, come l’https che è segnalato dal simbolo di un lucchetto nella barra degli indirizzi di Internet.

Un altro aspetto a favore degli strumenti elettronici è quello dell’estratto conto mensile, o annuale, che consente di controllare immediatamente l’elenco dei movimenti effettuati con la carta; alcuni istituti, ormai, propongono anche delle statistiche volte a definire quanto si è speso per alcune categoria di spesa: tempo libero, abbigliamento, viaggi, cellulare, alimentari. E tutto questo è ulteriormente agevolato dalle piattaforme di Internet Banking.

Insomma: nonostante la tradizione ci dice di suggerire il contante, la carta di credito o, eventualmente, la carta prepagata è senza dubbio un’opzione più sicura e flessibile in un mercato come quello moderno.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com