2012: l’anno nero del mercato dell’auto

Pubblicato da: MatteoT - il: 03-01-2013 12:00 Aggiornato il: 02-01-2013 21:34

Il mercato dell’auto in Italia, con riferimento al 2012, è crollato del 19,87% rispetto al 2011. Le nuove immatricolazioni sono state 1.402.089, tornando ai livelli fatti registrare ben 33 anni fa. A dicembre calo ancora marcato: – 22,51% con 86.735 unità immatricolate.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Lo comunica il ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. Per quanto riguarda il Gruppo Fiat, le immatricolazioni nel nostro Paese hanno segnato un -19,4% rispetto al 2011 (a dicembre -20,2%).

E, dopo il pesante 2012, anche il prossimo anno si preannuncia in flessione per il mercato italiano dell’auto. Secondo le stime della associazione dei concessionari Federauto, la situazione “fa prevedere, per il 2013, un mercato vicino a 1.330.000 unità”.

“Nel 2012, in uno scenario mai così negativo dal 1979, il Gruppo Fiat ha fatto meglio del mercato, sceso del 19,9%, e ha aumentato la quota di 0,2 punti percentuali, attestandosi al 29,6%”. E’ quanto precisa in una nota il Lingotto a commento dei dati diffusi dal ministero dei Trasporti. Quote aumentate nell’anno per Fiat, Lancia e Jeep. Panda, Punto, Ypsilon e 500 sono ai primi quattro posti nella top ten dell’anno. In dicembre tutti i brand del Gruppo Fiat migliorano la quota.

“Nel 2012 – precisa poi la nota di Fiat – è la Panda la vettura più venduta in Italia, con quasi 118 mila immatricolazioni e il 44% di quota nel segmento A, dove è stabilmente l’auto più richiesta. Alle sue spalle la Punto (quasi 80 mila le vetture registrate nell’anno) con una quota del 18,7% nel segmento B, dove è sempre l’auto più venduta. Positivi risultati anche per la 500, registrata nell’anno in 43 mila esemplari, che ottiene il 16% di quota nel segmento A”.

Tra le marche di auto estere, la regina in Italia è la tedesca Volkswagen, che chiude l’anno con un calo delle vendite del 18,28% a 113.514 unità, ma che fa aumentare la propria quota di mercato passando dal 7,94% del 2011 all’8,10% del 2012. Dietro la casa automobilista tedesca troviamo Ford, con una quota di mercato del 7,06%. Chiude il podio Opel con quota di mercato al 5,63%.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.