Il nuovo bond di Eni: tutte le informazioni utili

Pubblicato da: MatteoT - il: 15-01-2013 11:28

Eni ha deciso di ritornare sul mercato dei capitali lanciando un’offerta di bond senior unsecured convertibili in azioni ordinarie Snam per un quantitativo totale di 1,250 miliardi di euro. E’ quanto si apprende dal gruppo guidato da Paolo Scaroni.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

L’offerta bond sarà effettuata in linea con la Regulation S del U.S. Securities Act del 1933 come successivamente modificato. In merito alle caratteristiche dei Bond, Eni prevede una scadenza a tre anni con una cedola tra 0,125% e 0,625% all’anno, pagabile annualmente in via posticipata. Il premio di conversione sara’ determinato al momento del pricing ed e’ atteso tra il 20% e il 25% superiore al prezzo di riferimento dell’azione ordinaria Snam.

L’offerta bond e’ stata approvata ieri dal consiglio di amministrazione di Eni. In seguito al pricing, Eni intende impegnarsi a non collocare sul mercato ulteriori azioni Snam per un periodo a partire da oggi e fino a 90 giorni dalla conclusione dell’offerta bond. Eni dara’ comunicazione dei risultati del collocamento e dei termini definitivi dell’operazione, determinati a seguito del bookbuilding, appena disponibili.

La societa’ intende richiedere l’ammissione alla quotazione dei Bond entro 90 giorni dal regolamento dell’ offerta bond. I proventi derivanti dalle transazioni saranno utilizzati per finalita’ di gestione operativa generale. Barclays, Deustche Bank, Mediobanca – Banca di Credito Finanziario e Morgan Stanley sono i Joint Bookrunners dell’offerta bond.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.