Il calo dello spread e gli investimenti: cosa fare?

Pubblicato da: MatteoT - il: 16-01-2013 18:19

Nonostante negli ultimi due giorni abbiamo assistito a nuove, seppur minime salite, la notizia che accompagna l’inizio di questo 2013 in Borsa è il vistoso calo dello spread italiano rispetto ai titoli di stato decennali tedeschi. Questo ha portato ad una drastica riduzione dei rendimenti del Btp e dei Cct su livelli che non si vedevano dall’inizio del 2010.

Ecco quindi che sorge la necessità di diversificare il proprio portafoglio. Chi ha investito nei titoli di Stato quando erano sotto attacco della speculazione, ha ottenuto ritorni a doppia cifra, davvero interessanti per il rapporto risk/reward. Oggi, invece, questo discorso non è più attuale dal momento che i rendimenti del Btp decennale sono di poco superiori al 4%.

Per questo gli occhi si potrebbero spostare dal mercato dei titoli di Stato, e quindi dall’obbligazionario, a quello azionario; in particolare in Borsa troviamo molte opportunità che consentono di ottenere rendimenti compresi tra il 6 e l’8%: esempi sono Enel che ha un rendimento atteso dell’8,29%, seguono Terna con il 6,94% e Snam con il 6,83%.

Senza dimenticare, seppur su livelli minori, il comparto bancario; si possono trovare due istituti di credito come Intesa Sanpaolo o Mediobanca, che offrono rendimenti al di sopra del 3% e potrebbero veder aumentare le loro quotazioni nei prossimi mesi, visto che questi titoli hanno risentito pesantemente dell’aumento dello spread.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di TradingVotoRecensioneSito Web
eToro
eToro OpinioniConto demo
IQ Option
IQ Option OpinioniConto demo
24Option
24Option OpinioniConto demo
ITRADER
ITRADER OpinioniConto demo
Alvexo
Alvexo OpinioniConto demo

Informazioni sull'autore

MatteoT

Trading CFDs and/or Binary Options involves significant risk of capital loss.

E-investimenti.com

E-investimenti.com