Ikea si lancia nelle rinnovabili: ecco la strategia del gruppo svedese

Pubblicato da: MatteoT - il: 23-01-2013 22:49

Dopo l’articolo su Warren Buffet, che si è lanciato totalmente nel settore delle energie rinnovabili puntando deciso su eolico e solare, ecco il caso di Ikea che, a differenza di quanto fatto dal gruppo tedesco Siemens, decide di puntare molto sulle energie verdi e low-cost.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

L’azienda svedese, infatti, ha deciso di investire 4 miliardi di dollari fino al 2020 per sviluppare progetti di energia green ed abbassare i costi della fornitura energetica, in modo da poter mantenere al livello attuale i prezzi di vendita ai consumatori.

Già ad ora, Ikea possiede 250 mila pannelli solari dislocati principalmente negli Stati Uniti, oltre che 126 turbine eoliche nel Nord Europa. L’obiettivo, però, è quello di coprire il 100% del consumo energetico salendo notevolmente dall’attuale 34%.

Intanto l’azienda guidata da Mikael Ohlsson ha chiuso l’esercizio terminato ad agosto 2012 con un utile netto in rialzo dell’8% a 3,2 miliardi di euro, su un fatturato in progresso del 9,8% a 27,6 miliardi grazie alla crescita sia nei mercati maturi sia in quelli emergenti emergenti.

Ikea ha così realizzato la sua più forte crescita dall’esercizio 2005-2006. Nell’ultimo esercizio, ha precisato l’azienda svedese – che non è quotata in Borsa – in una nota “il gruppo ha anche visto espandersi il suo patrimonio in titoli e contanti a 17,9 miliardi di euro, il 6% in più rispetto ad un anno prima”.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.