Monte dei Paschi di Siena: occhio agli aumenti delle commissioni sui correntisti

Pubblicato da: MatteoT - il: 03-02-2013 14:18 Aggiornato il: 12-09-2013 13:40

Lo scandalo che ha investito il Monte dei Paschi di Siena, quasi con cadenza quotidiana, ci regala nuove sorprese e scoperte. Oggi trattiamo l’aspetto legato ai correntisti, che non comprendono bene come una banca di queste dimensioni possa attuare strategie finanziarie spregiudicate senza che queste emergano negli organismi di controllo.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

L’unico dato certo, almeno per ora, è che l’istituto di credito di Siena verrà salvato grazie ai Monti-bond; una sorta di figli dei Tremonti-bond che si differenziano da questi solo per il tasso di interesse. Le obbligazioni che sottoscriverà Mps prevedono tassi di interesse maggiori: si parte dal 9% e si arriva al 15%.

Questo, almeno, secondo quanto ci viene raccontato. Dalla banca dichiarano che questi elevati interessi sono sostenibili, la realtà però potrebbe essere differente e potrebbe portare lo Stato ad entrare nel patrimonio dell’istituto. Molto, ovviamente, dipenderà dall’effettivo vuoto nei conti della banca.

Profumo e Viola, per rendere sostenibili questi tassi ed aumentare la redditività dell’istituto, hanno iniziato a tagliere i costi riducendo il personale, le filiali e togliendo premi e privilegi alla ‘casta’ dell’istituto. L’altra strada prevede un aumento dei ricavi: qui, però, potrebbero arrivare disagi per i correntisti, che potrebbero vedersi aumentare le commissioni.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.