Bloomberg e le 10 migliori nazioni dove fare affari

Pubblicato da: MatteoT - il: 09-02-2013 11:00 Aggiornato il: 07-02-2013 16:27

Bloomberg, recentemente, ha analizzato 161 nazioni classificandole, in relazione a sei criteri che più avanti espliciteremo; da questo punto di vista troviamo delle sorprese interessanti. I Bric, infatti, non fanno una bella figura con India, Russia e Brasile fuori dai top 50, la Cina scende di cinque posizioni in un anno.

Quale la metodologia usata? L’indagine riportata da Bloomberg parte da sei fattori principali e usa una scala di valutazione da uno a cento.

1) Grado di integrazione economica: ovvero tutti i membri dell’Organizzazione mondiale del commercio,le tariffe offerte dalla nazione, la sua correlazione con il mercato globale, la concentrazione del mercato e il rischio che offre.

2) Il costo della creazione di un’impresa: burocrazia, costi fisici e tempistiche per il finanziamento del business e gli investimenti fattibili o meno all’estero da parte dell’azienda.

3) Costo del lavoro e dei materiali: il costo del lavoro vero e proprio (dalle pratiche di assunzione a quelle per l’assicurazione sanitaria e pensionistica salario minimo etc) fino al costo dei materiali in sè e la possibilità di procurarseli.

4) Costo dei beni mobili e trasporti: import-export logistica trasporto su gomma/rotaie o altro mezzo disponibile, compresa la connessione Internet per potersi connettere con i fornitori e coni clienti in caso di assistenza tecnica.

5) Costi non tangibili: grado di corruzione, indici internazionali, tasse, inflazione etc.

6) Disponibilità dei consumatori locali: in pratica la presenza o meno di una classe media in grado di assorbire sia il prodotto a livello locale, sia la capacità di importazione.

Regno Unito
Classifica generale: 10
Grado di integrazione economica: 2
Costo della creazione di un’impresa: 47
Costo del lavoro e dei materiali: 11
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 9
Costi non tangibili: 22
Disponibilità dei consumatori locali: 31

Danimarca
Classifica generale: 9
Grado di integrazione economica: 10
Costo della creazione di un’impresa: 5
Costo del lavoro e dei materiali: 73
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 29
Costi non tangibili: 3
Disponibilità dei consumatori locali: 33

Singapore
Classifica generale: 8
Grado di integrazione economica: 48
Costo della creazione di un’impresa: 2
Costo del lavoro e dei materiali: 108
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 3
Costi non tangibili: 7
Disponibilità dei consumatori locali: 32

Canada
Classifica generale: 7
Grado di integrazione economica: 40
Costo della creazione di un’impresa: 32
Costo del lavoro e dei materiali: 30
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 6
Costi non tangibili: 12
Disponibilità dei consumatori locali: 8

Australia
Classifica generale: 6
Grado di integrazione economica: 7
Costo della creazione di un’impresa: 40
Costo del lavoro e dei materiali: 9
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 12
Costi non tangibili: 15
Disponibilità dei consumatori locali: 23

Germania
Classifica generale: 5
Grado di integrazione economica: 1
Costo della creazione di un’impresa: 78
Costo del lavoro e dei materiali: 8
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 5
Costi non tangibili: 17
Disponibilità dei consumatori locali: 5

Paesi Bassi
Classifica generale: 4
Grado di integrazione economica: 23
Costo della creazione di un’impresa: 33
Costo del lavoro e dei materiali: 26
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 4
Costi non tangibili: 5
Disponibilità dei consumatori locali: 22

Giappone
Classifica generale: 3
Grado di integrazione economica: 3
Costo della creazione di un’impresa: 36
Costo del lavoro e dei materiali: 1
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 14
Costi non tangibili: 29
Disponibilità dei consumatori locali: 1

Stati Uniti
Classifica generale: 2
Grado di integrazione economica: 4
Costo della creazione di un’impresa: 8
Costo del lavoro e dei materiali: 3
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 7
Costi non tangibili: 27
Disponibilità dei consumatori locali: 38

Hong Kong
Classifica generale: 1
Grado di integrazione economica: 14
Costo della creazione di un’impresa: 1
Costo del lavoro e dei materiali: 64
Costo dei beni mobili e dei trasporti: 2
Costi non tangibili: 2
Disponibilità dei consumatori locali: 27

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com