Bce acquistati 103 miliardi di bond italiani

Pubblicato da: MatteoT - il: 22-02-2013 14:49

Nell’ambito del suo Securities Markets Programme, la Bce ha rivolto quasi metà dell’intero progetto a sostegno dei Paesi periferici dell’Eurozona verso l’Italia. L’acquisto di titoli di debito pubblico dell’istituto di Francoforte sul mercato secondario, in totale, è stato di 218 miliardi di euro. Di questi, ben 103 miliardi sono serviti a contenere l’aumento dello spread dell’Italia.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Europa

E’ quanto emerge dai dati al 31 dicembre 2012 resi noti dall’Eurotower, in linea con la politica di trasparenza dopo la creazione del cosidetto meccanismo anti-spread (Omt, Outright Monetary Transactions). I dati precisi parlano di 102,8 miliardi di euro in bond italiani, iscritti a bilancio per 99 miliardi.

Il nostro Paese è seguito, seppur a distanza, dalla Spagna con 44,3 miliaridi, dalla Grecia con 33,9, dal Portogallo con 22,8 e dall’Irlanda con 14,2. La durata media residua del debito italiano sottoscritto dalla Banca centrale europea è di 4 anni e mezzo. La durata maggiore, invece, è quella irlandese, mentre la Grecia è quella minore (circa tre anni e mezzo).

Il programma Smp era stato avviato dalla Bce alla metà del 2010, allo scoppio delle crisi del debito ellenico, ed terminato lo scorso settembre quando è stato sostituito dall’Omt. Quest’ultimo non è stato finora mai attivato in quanto, a differenza del precedente programma, richiede, a chi ne fa richiesta, di sottoporsi alle condizioni di aggiustamento strutturale fissate dal fondo europeo salva-Stati.

Nella giornata di ieri la Bce ha anche pubblicato il bilancio; nel 2012 Francoforte ha chiuso con un utile netto di 998 milioni di euro, in rialzo rispetto ai 728 milioni del 2011. Il surplus è stato di 2,164 miliardi (1,894 nel 2011), di cui 1,166 miliardi messi a riserva a copertura dei rischi.

Il consiglio direttivo che ha approvato i conti dell’anno scorso ha notato che i margini netti realizzati dalla Bce sugli interessi raggiungono i 2,289 miliardi (1,999 miliardi nel 2011), di cui 1,108 miliardi dai titoli di Grecia, Spagna, Irlanda, Portogallo e Italia acquistati attraverso il programma Smp. Dell’utile 2012 sono già stati girati 575 milioni alle Banche centrali nazionali dell’Eurozona; i restanti 423 milioni saranno distribuiti il 25 febbraio.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.