Trading sull’oro: due errori da evitare

Pubblicato da: MatteoT - il: 28-03-2013 15:40

In tempi di crisi, sappiamo bene che il Dollaro americano e l’oro diventano ben presto dei, cosiddetti, beni rifugio verso cui gli investitori internazionali si orientano per bilanciare ed equilibrare i propri portafogli finanziari. L’oro, tra l’altro, è anche uno dei beni finanziari più diffusi al mondo ma, questo, non significa che tutti gli investitori riescano a comprenderne a fondo ciò che guida il suo andamento.

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

Oro

Su “Futures Now”, George Gero, Precious Metals Strategist per RBC spiega e fa chiarezza su due dei più grandi errori che riguardano il trading dell’oro. Il primo riugarda il prezzo, mentre il secondo riguarda il contesto del mercato in cui si sta operando.

Errore numero 1: quando il prezzo scende?
Qui l’affermazione e la concezione operativa errata è la seguente: se il prezzo dell’oro scende, allora è il momento giusto per comprare. Non funziona esattamente così; come spiega George Gero “le società di gestione sono alla ricerca della prestazione, e la performance non è dell’oro. Questo spiega perché maggiore è il rally del mercato azionario, più forte è il vento contrario per l’oro”.

Quando le scorte dell’oro giallo hanno messo assieme performance superiori alla media, gli investitori spostano la loro attenzione su qualcosa che sta funzionando; è per questo, quindi, che nel trading l’oro conta molto il trend e, meno, il valore del bene stesso. Paradossalmente, quindi, la caduta dei prezzi dell’oro è una brutta notizia per chi sta cercando spunti buy.

Errore numero 2: quando il mercato è avverso?
Tutti noi consideriamo l’oro come un bene rifugio che va comprato quando non c’è fiducia sui mercati finanziari e, quindi, quando le azioni si muovono in negativo. Non è così. L’oro, spiega Gero, “è un bene rifugio incompreso dal trading. Il vero rifugio dell’oro sta nel mantenimento del potere d’acquisto”.

Cosa significa? Le persone dovrebbe acquistare oro solamente quando temono l’inflazione, perchè questo metallo ha la peculiarità di mantenere il proprio valore in un modo tale che nessuna valuta riesce a fare. L’oro protegge dall’inflazione, ma non dai rallentamenti economici e, per questo, “l’oro non può essere considerato come una riserva contro i movimenti avversi di mercato”, conclude poi Gero.

George Gero ritiene che gli investitori retail dovrebbero avere un 5% in oro nel loro portfolio. Possedere lingotti d’oro non proteggerà dai movimenti avversi del mercato, bisogna solo mantenerne abbastanza per proteggersi dall’inflazione.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74-89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

 

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

 

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19