Tobin Tax e Golden Rule: l’Italia nell’Ue

Pubblicato da: MatteoT - il: 04-05-2013 11:00 Aggiornato il: 30-04-2013 23:04

Saranno almeno dieci gli appuntamenti che il nuovo governo Letta, per voce dell’Italia, dovranno affrontare nei prossimi mesi nell’Unione europea. Si va dalla golden rule, finalizzata a rilanciare gli investimenti produttivi in Italia, fino alla Tobin Tax, dalla quale si vorrebbero escludere i titoli di Stato.

Economia

Il primo appuntamento importante è atteso ad ore. Sarà il 3 maggio 2013, quando la Commissione dell’Unione Europea presenterà ai Paesi dell’Ue le stime economiche della primavera con le relative previsioni per i trimestri a divenire.

Eurostat comunica che l’Italia, nel 2012, aveva un rapporto deficit/Pil pari al 2%; l’obiettivo di quest’anno è riuscire a mantenersi al di sotto di questo livello. In base al risultato raggiunto in quest’area chiave, il 29 maggio l’Ue deciderà se chiudere o meno la procedura in corso contro l’Italia per il deficit eccessivo.

In estate, poi, ci sarà il delicato nodo della golden rule; questa è iniziata un anno fa per opera di Mario Monti e non sarà facile da trattare per il nostro Paese. Da giugno inizierà il dibattito con la commissione UE per scorporare gli investimenti strutturali e le risorse per le infrastrutture dal deficit.

Anche l’empasse sulle prospettive finanziarie dell’Unione Europea per gli anni 2014-2020 rischia di avere delle conseguenze a livello economico nel Belpaese. Lo scontro tra l’Europarlamento ed il Consiglio europeo, già consumatosi durante il bilancio rettificativo del 2012, coinvolge anche l’Italia: si parla di 29,6 miliardi di euro per le politiche di coesione e 38-39 miliardi per la politica agricola da qui ai prossimi sette anni.

Un altro tema caldo, molto caldo in questi ultimi mesi, sarà quello che verrà affrontato dal 29 giugno 2013 in poi; stiamo parlando della vigilanza bancaria unica sotto la guida della Bce. Spetterà al nuovo ministro dell’economia del governo Letta, Saccomanni, difendere i titoli di stato.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com