Dropis: tutto sulla moneta anti-speculazione

Pubblicato da: MatteoT - il: 06-06-2013 10:00 Aggiornato il: 04-10-2015 14:31

Non passa giorno che non si senta parlare di qualche nuova moneta complementare o accessoria. Dopo i BitCoin, al secondo posto della classifica di importanza e di rilevanza pubblica troviamo, senza dubbio, Dropis. Si tratta di un’altra moneta alternativa a quelle tradizionali che consente di attuare dei veri e propri scambi commerciali, senza utilizzare “soldi veri”.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

analisi tecnica 2

Dropis è un progetto ideato nel 2012 da un team tutto italiano con l’obiettivo di conquistare piccoli imprenditori e professionisti con partite IVA allo scopo di consentire loro di uscire dalla crisi attraverso un metodo alternativo. Si tratta, quindi, di monete alternative che, però, assumono la forma e la sembianza di veri e propri crediti di baratto dal valore nominale di 1 euro.

La caratteristica principale di questa moneta è che non si può comprare, ma si ottiene (e si guadagna) scambiando beni e servizi con altre persone. Come abbiamo già detto: il baratto. Se quindi, ognuno di noi, volesse acquistare qualcosa del valore di 15 euro non dovrebbe far altro che offrire 15 Dropis, avendo ciascuno – come detto sopra – valore nominale pari a 1,00 euro.

Altra peculiarità fondamentale che deriva dalla stessa natura intrinseca di questa moneta è che non è acquistabile utilizzando gli euro, ma si può ottenere solamente attraverso uno scambio online. Inoltre è importante precisare che questo tipo di moneta non è soggetta ad inflazione, dal momento che dietro ogni credito c’è un bene o un servizio reale e concreto.

Il procedimento, a differenza di quello dei Bitcoin, è sicuramente molto più semplice. Facciamo un esempio pratico: decido di “vendere” dei prodotti fatti a mano su un sito di baratto. Gli utenti dello stesso sito che troveranno interessante la mia offerta e decideranno di pagarla 20 o 30 Dropis. Una volta incassati, posso spendere questi “soldi” in vari modi: acquistando dei prodotti di cosmesi, un biglietto per una vacanza, ecc.

Ma dove è possibile utilizzare i Dropis? Sicuramente nei vari siti di baratto e di condivisione presenti sul web; sul sito www.dropis.com, in particolare, sono presenti numerosi mercati e portali che accettano questa nuova forma di moneta. Basterà attivare dropis e iscriversi ai mercati abilitati. Attraverso l’attivazione si accederà ad un conto personalizzato che crescerà man mano che si metteranno in atto i primi scambi.

Come anticipato in precedenza, i Dropis non consentono di speculare poiché il loro scambio è reso possibile solamente attraverso la vendita e l’offerta di beni e servizi reali. In poche parole: se non si offre, non si può comprare. In secondo luogo, non essendo una vera e propria moneta, non avrebbe senso accumularla e non è possibile conservare i guadagni in banca.

Totalmente diversi quindi anche dai Bitcoin che, per natura, sono parecchio volatili e favoriscono la speculazione.

Informazioni sull'autore

MatteoT

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.