iMoney: la valuta digitale di Apple

Pubblicato da: MatteoT - il: 16-06-2013 8:00 Aggiornato il: 04-08-2015 15:21

Non passa settimana che non troviamo nuove notizie circa il tema delle valute digitali. Oggi vi parliamo di iMoney di Apple. La US Patent and Trademark Organization ha reso noto l’intenzione della Apple di dotarsi anch’essa di una moneta digitale, proprio come ha fatto fino a poco tempo fa Amazon con i suoi Coins.

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

Forex 2

Il brevetto in questione, di fatto, è una semplice combinazione tra una valuta virtuale ed una tecnologia adatta al mondo del web. Questa novità, che prenderà il nome di iMoney, consentirà a tutti gli utenti di negoziare il denaro nel cloud ed effettuare i pagamenti semplicemente tramite il loro dispositivo iPhone.

Oltre a questo, però, il progetto prevede un’altra serie di possibilità che è necessario ricordare. I soldi, da esempio, possono essere accumulati tramite la visualizzazione degli annunci pubblicitari, ma non bisogna nemmeno dimenticare i possibili rimborsi per i prodotti ed i servizi dell’azienda di Cupertino.

Potrebbe anche esserci, poi, lo sfruttamento della tecnologia denominata NFC. La sigla in questione sta a indicare la Near Field Communication, la quale è in grado di mixare la comunicazione (come si evince dal nome stesso) con i terminali che hanno a che fare con i punti di vendita.

In pratica, la NFC permette agli smartphone di cui si sta parlando di stabilire una comunicazione via radio con tutti gli altri dispositivi che si trovano nelle vicinanze.

Una cosa, però, è certa: la politica anti-Bitcoin della creatura di Steve Jobs non è andata giù a molti, dato che le valute digitali vengono considerate un futuro immediato e non da posticipare ai prossimi anni.

La Apple, in particolare, ha rimosso due applicazioni dal suo App Store lo scorso mese di maggio spiegando che la decisione è stata adottata per venire incontro ad alcuni requisiti legali e pere rendere disponibili le applicazioni stesse a tutti gli utilizzatori, ma appare evidente come la polemica sia destinata a continuare anche nei prossimi mesi.

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.