Assicurazioni: incremento nei rami vita e danni

Pubblicato da: Luca M. - il: 17-06-2013 13:19 Aggiornato il: 01-07-2014 16:18

Secondo le ultime statistiche pubblicate dall’IVASS, la raccolta premi complessiva nei rami vita e danni realizzata dalle compagnie assicuratrici operanti in Italia nel settore delle assicurazioni tradizionali e delle assicurazioni online nel primo trimestre 2013 ha avuto un segno positivo: il suo valore ha toccato quota 28.495,4 milioni di euro, con un incremento del 9,9% rispetto allo stesso periodo del 2012. Questo dato segna un’inversione di tendenza rispetto all’andamento degli scorsi anni; l’ultima crescita nella raccolta premi si era infatti registrata nel quarto trimestre 2010.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Più nel dettaglio, l’aumento è da attribuire ai rami vita (20.297,4 milioni) che hanno visto un incremento nella raccolta del 17,7% rispetto al primo trimestre 2012; il portafoglio danni (8.198 milioni) si è invece ridotto del 5,6%. Nei rami vita, la quota premi più importante è stata raccolta dalle assicurazioni sulla durata della vita umana (73,7% del portafoglio, + 14,9% rispetto al 2012); in ambito danni sono invece i rami R.C. autoveicoli e R.C. veicoli acquatici ad incidere maggiormente sulla raccolta (50,8%, – 6,2% rispetto al 2012).

Per quanto riguarda i canali distributivi della raccolta nei rami vita, la quota di premi più consistente è stata acquisita dagli sportelli bancari e postali (57,1%, + 6,6%), seguiti dai promotori finanziari (19,5%, – 3,9%), dalle agenzie con mandato (12,5%, – 2%) e dalle agenzie in economia e gerenze (9,6%, – 0,6%). Nell’ambito dei rami danni, invece, le statistiche sui canali distributivi della raccolta premi confermano la netta preponderanza delle agenzie con mandato (81,6%, + 0,1%), seguite dalle altre forme di vendita diretta (6,1%, + 1,5%).

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.