Italia declassata da S&P: rating a BBB senza Imu

Pubblicato da: MatteoT - il: 09-07-2013 21:31

rating

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Brutte ed inaspettate notizie per l’Italia. L’agenzia di rating internazionale Standard & Poor’s ha declassato il nostro Paese da BBB+ a BBB con un outlook negativo. E’ la stessa agenzia americana a rendere nota la notizia. Il motivo del downgrade è legato “all’ulteriore peggioramento delle prospettive economiche”. Le stime sono chiare: l’economia italiana, in questo 2013, si contrarrà dell’1,9%.

L’outlook rimane negativo, riflettendo una possibilità su tre di un nuovo downgrade nel 2013 o nel 2014, spiega l’agenzia di rating. A pesare sulla decisione sono soprattutto due fattori: l’ulteriore indebolimento dell’economia e la mancata trasmissione sull’economia reale della politica monetaria espansiva della Bce con i tassi dei prestiti alle imprese che rimangono ben sopra i livelli pre-crisi.

“Nel 2013 gli obiettivi di bilancio in Italia sono potenzialmente a rischio per il differente approccio nella coalizione di governo” per coprire un disavanzo “frutto della sospensione dell’Imu e del possibile ritardo del pianificato aumento dell’Iva”. Lo afferma Standard & Poor’s.

Subito sono arrivati i commenti di Enrico Letta, premier italiano, che ha precisato che l’abbassamento del rating dell’Italia da parte di S&P dimostra che “la situazione rimane complessa” e che l’Italia resta un “vigilato speciale”. Lo ha detto il premier Enrico Letta: “La situazione rimane complessa, chi pensa che a livello internazionale sia tutto risolto si sbaglia di grosso”.

Il taglio del rating riflette motivazioni retrospettive e non tiene conto delle azioni intraprese dal governo per la ripresa. E’ questo il commento che una fonte del Tesoro riferisce a Reuters.

“Complessivamente le motivazioni non sono condivisibili. Viene messo l’accento sulla bassa crescita e sulla competitività, ma non si tiene conto delle azioni intraprese”, ha commentato la fonte. Secondo la fonte del Tesoro infine si tratta di motivazioni che “riflettono più una valutazione retrospettiva piuttosto che prospettica”.

Informazioni sull'autore

MatteoT

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.