Imu, il punto sulla questione

Pubblicato da: Luca M. - il: 19-08-2013 15:44 Aggiornato il: 01-07-2014 16:16

imu-tassa-casaEntro fine agosto anche il nodo Imu dovrebbe sciogliersi, anche se appare sempre più problematico. Sono in campo diverse possibilità, che comprendono anche una sorta di “patto fiscale” che coinvolgerebbe i comuni, ma siamo ancora nel campo delle ipotesi. L’intricata questione della tassa sugli immobili è da mesi uno dei temi caldi del governo, diviso tra il centrodestra fermo nella volontà di abolire interamente la tassa e il centrosinistra alla ricerca di una soluzione per ridefinirla, e recuperare almeno parte degli introiti derivanti dalle prime case, che si aggirano attorno ai 4 miliardi di euro. Cifra a cui le casse pubbliche non potrebbero rinunciare senza altre misure che finirebbero per gravare maggiormente sulle famiglie, come l’aumento dell’iva dal 21 al 22%, già prospettato a tal proposito.

Non bisogna dimenticare che questa spesa va ad aggiungersi, per i detentori di un mutuo sulla casa, alle spese per le rate da conferire periodicamente all’istituto di credito presso cui ci si è rivolti, sia esso di carattere tradizionale come Intesa Sanpaolo oppure online come ING Direct. Voci dissonanti e ancora nessuna certezza sul fatto che il 16 settembre chi ha beneficiato della sospensione della prima rata di giugno debba pagare quanto dovuto. Circolano diverse ipotesi sulla risoluzione della questione. Si parla di innalzamento delle detrazioni in base alla fascia di reddito, cosa che escluderebbe dal pagamento l’80% delle prime case. L’imu coinvolgerebbe così solo i proprietari di immobili di lusso, già esclusi dal rinvio della scadenza di giugno.

Oppure, indipendentemente dalla classe catastale, si passa dall’idea che paghino solo i proprietari di case di superficie superiore a 150 mq (soluzione che implicherebbe attenti controlli per non comprendere le case popolari) a quella della sostituzione dell’Imu con l’introduzione, nel 2014, di una sorta di “Council tax” su modello inglese, una tassa che convogli Imposta municipale unica, Tares e addizionale Irpef.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com