Goldman Sachs lancia allarme recessione

Pubblicato da: Luca M. - il: 25-08-2008 6:22 Aggiornato il: 28-03-2016 11:20

A un anno dallo scoppio della crisi dei mututi subprime, quelli ad alto rischio, la banca d’affari americana Goldman Sachs vede le prospettive dell’economia globale poco rosee.

Secondo l’istituto bancario statunitense un gran numero di paesi, pari alla metà dell’economia mondiale, e in particolare gli Usa, il Giappone, Eurolandia e la Gran Bretagna sono in recessione o rischiano significativamente la recessione nei mesi a venire», come scrive da Londra l’economista Binit Patel secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg.

Secondo Patel le probabilità di una recessione globale non superano però il 20%, dato che la Cina dovrebbe continuare a correre ad un ritmo di circa il 10% sia quest’anno che il prossimo. «L’espansione continua e robusta, anche se il rallentamento, della Cina e di altri paesi emergenti – secondo l’economista di Goldman – porterà la crescita globale al 3,9% quest’anno e al 3,6% il prossimo».

Brusco rimbalzo del petrolio. Il prezzo dei derivato sull’oro nero hanno toccato il livello di 122,02 dollari al barile, il più elevato delle ultime due settimane e mezzo su base intraday. A contribuire al rialzo i prezzi, spiegano i trader, le tensioni tra la Russia e la comunità occidentale ma in particolare modo le scommesse da parte dei fondi speculativi che il fondo dei prezzi possa essere stato toccato lo scorso venerdì a 111,34 dollari al barile.

Nei primi sei mesi del 2008 il prezzo al consumo del gasolio auto è cresciuto del 31,1% e quello della benzina del 12,5 per cento. Lo rende noto l’Unione Petrolifera.

Lascia un Commento

X
Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.