Goldman Sachs lancia allarme recessione

Pubblicato da: Luca M. - il: 25-08-2008 6:22 Aggiornato il: 28-03-2016 11:20

A un anno dallo scoppio della crisi dei mututi subprime, quelli ad alto rischio, la banca d’affari americana Goldman Sachs vede le prospettive dell’economia globale poco rosee.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Secondo l’istituto bancario statunitense un gran numero di paesi, pari alla metà dell’economia mondiale, e in particolare gli Usa, il Giappone, Eurolandia e la Gran Bretagna sono in recessione o rischiano significativamente la recessione nei mesi a venire», come scrive da Londra l’economista Binit Patel secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg.

Secondo Patel le probabilità di una recessione globale non superano però il 20%, dato che la Cina dovrebbe continuare a correre ad un ritmo di circa il 10% sia quest’anno che il prossimo. «L’espansione continua e robusta, anche se il rallentamento, della Cina e di altri paesi emergenti – secondo l’economista di Goldman – porterà la crescita globale al 3,9% quest’anno e al 3,6% il prossimo».

Brusco rimbalzo del petrolio. Il prezzo dei derivato sull’oro nero hanno toccato il livello di 122,02 dollari al barile, il più elevato delle ultime due settimane e mezzo su base intraday. A contribuire al rialzo i prezzi, spiegano i trader, le tensioni tra la Russia e la comunità occidentale ma in particolare modo le scommesse da parte dei fondi speculativi che il fondo dei prezzi possa essere stato toccato lo scorso venerdì a 111,34 dollari al barile.

Nei primi sei mesi del 2008 il prezzo al consumo del gasolio auto è cresciuto del 31,1% e quello della benzina del 12,5 per cento. Lo rende noto l’Unione Petrolifera.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.