Criptovalute: frode da $2 milioni a causa di GIZA

Pubblicato da: TommasoP - il: 14-03-2018 9:33

Andora una volta ci si ritrova a parlare delle criptovalute e delle possibili truffe che sono legate ad esse. Quello che sta succedendo e a dir poco sconcertante considerando che oggi stiamo assistendo sempre più alla truffa legate ad esse.

Non molto tempo addietro abbiamo assistito ad un’altra truffa. Oggi ancora una volta, a distanza di nemmeno un mese ci ritroviamo a parlare di una truffa di 2 milioni di dollari la quale sta facendo tremare numerosi investitori.

Ma cerchiamo di analizzare quella che è la situazione attuale.

frode da 2 milioni di euro

Criptovalute: frode da $2 milioni. Il mistero di Giza

Criptovalute: frode da $2 milioni. Il mistero di Giza

Le criptovalute si ritrovano ancora una volta a fare i conti con le truffe e i furti. Ancora una volta al centro del dibattito internazionale vi è l’ipotetica frode che sta già facendo tremare numerosi investitori.

Infatti in base a quanto riportato in mattinata dalla Cnbc, ci sono alcuni truffatori in questione che avrebbero utilizzato un falso profilo LinkedIn al fine di attrarre più di 1.000 investitori ma anche curiosi attorno al proprio progetto di ICO dal nome Giza.

L’Initial Coin Offering analizzata poi, si sarebbe rivelata uan vera frode, la quale avrebbe permesso ai truffatori di fuggire con 2 milioni di dollari in criptovalute.

La nuova truffa delle criptovalute: Giza

Oggi sono in tanti gli investitori che hanno tentato di far luce su quanto accaduto. Infatti sono sempre questi che hanno creduto nella legittimazione del progetto, fino a quando non sono comparsi i primi segnali d’allarme tra cui l’assenza di comunicazione con i presunti fondatori e i falliti tentativi di recuperare i fondi perduti.

In pratica l’intera truffa sarebbe stata messa in atto in base a quelle che sono le notizie riportate, da un individuo di nome Marco Fike, il quale si sarebbe reso artefice dell’ICO di gennaio, indirizzata alla start-up Giza e avente l’obiettivo di sviluppare un dispositivo estremamente sicuro per immagazzinare criptovalute.

All’inizio di febbraio, Giza infatti aveva raccolto già più di 2.100 Ethereum, per un valore complessivo di 2,4 milioni di dollari che sono stati poi trafugati per non dire scomparsi del tutto.

Il sito web del progetto, invece, è stato già cancellato.

“Tutto è andato bene fino a che la società incaricata di sviluppare il dispositivo non ha comunicato di aver tagliato i ponti con Giza in quanto probabile truffa. Da quel momento le cose sono iniziate a sembrare strane,”

Questo è quanto affermato da uno degli investitori di criptovalute frodati che ha scelto però di mantenere l’anonimato.

In pratica la società incaricata di sviluppare il progetto di Giza, ovvero la russa Third Pin LLC, e il suo CEO Ivan Larionov, si sono ripetutamente messi in contatto con Marco Fike.

L’obbiettivo è sempre quello di delineare le caratteristiche, le tecniche e non, del progetto in via di sviluppo.

In pratica si tratta come sempre di notizie ed informazioni poco chiare, se non anche di atteggiamenti sfuggenti e di risposte sempre più vaghe le quali hanno contribuito ad allarmare Larionov che ha così scelto di tagliare i ponti con Giza, preoccupando di conseguenza tutti gli investitori che hanno contribuito all’ICO di gennaio e febbraio.

La situazione precipita

Ma dove sono finiti i 2 milioni di dollari in criptovalute?

Scomparsi nel nulla potremmo dire. Potremmo dire questo anche perché sono stati in tanti i trader e gli investitori che hanno creduto in questo

La maggior parte del denaro del wallet di Giza è stato prosciugato per altro in poco più di 15 giorni ed è stato inviato ad altri portafogli virtuali dei quali, però, non è dato sapere l’identità.

Non appena l’ipotesi di truffa ha trovato terreno fertile, molto investitori si sono rivolti direttamente a Giza tramite il canale social di Telegram.

Karina, la community manager del gruppo, altro non avrebbe fatto se non cercare di bloccare bloccare gli utenti più dubbiosi al fine di cercare anche delle risposte.

Le stesse hanno poi dichiarato di essere pagata direttamente da Giza e di non conoscere personalmente Marco Fike.

Oggi ad occuparsi della possibile frode è Cal Evans, un legal advisor che sta cercando di far luce sulla vera identità di Giza e su quella di Marco Fike.

In base a quelle che sono state le sue indagini, il progetto sarebbe iniziato come legittimato ma avrebbe presto preso una strada sbagliata.

“Faremo tutto il possibile per scovare questi ragazzi”

Questo è quanto affermato da Evans in merito agli ipotetici truffatori di criptovalute.

Il condizionale è ancora d’obbligo in assenza di chiare e ufficiali notizie in merito all’esito delle indagini.

Quasi totalmente ignorando la notizia, le principali quotazioni criptovalutarie stanno tentando di recuperare dopo la flessione inaugurata la scorsa settimana.

Come investire su criptovalute senza truffe

Se vuoi investire in modo serio e professionale nel trading online, allora non devi far altro che non dar retta alle chiacchiere e da chi ti promette guadagni da capogiro. In pratica devi star lontano dalle truffe.

Ecco uno dei motivi per il quale noi ti consigliamo sempre di investire con broker che sono regolamentati ed autorizzati come lo è ad esempio IQ Option o eToro.

In entrambi i casi, stiamo parlando di broker che hanno regolare licenza e come tali sono regolamentati ed autorizzati. Quindi sono immuni dalla truffa. Per altro puoi utilizzare uno di questi broker per i tuoi investimenti reali o anche utilizzarli con conto demo gratuito ed illimitato.

IQ Option

""Leggi

eToro

trading ethereum etoro

Trading su ethereum con il conto demo gratuito ed illimitato eToro

eToro invece ti offre un conto demo gratuito ed illimitato che puoi utilizzare per far pratica, mentre il conto reale prevede un deposito minimo da 50 €.

Apri il tuo conto demo gratuito ed illimitato su eToro

Se scegli di investire con eToro, devi sapere che puoi sfruttare sempre ed in qualunque momento la complicità degli altri trader e condividere con essi tutte le strategie di trading online. Questo lo puoi fare grazie alla piattaforma di social trading la cui piattaforma ti permette di investire condividendo con altri trader le migliori strategie.

Puoi anche sceglie di copiare gli altri trader. A tal proposito ti riportiamo quelli che anno fatto registrare le migliori performance.

In questo caso, puoi scegliere i trader che desideri copiare e riportarli sul tuo conto di trading eToro. Questo sistema ti permette di ricopiarli e di investire direttamente su di essi anche se non sei un trader affermato e non conosci bene gli asset sul quale stai investendo. In questo modo, puoi replicare le loro performance ed ottenere una percentuale di successo maggiore.

Apri il tuo conto gratuito eToro. Prova la semplicità del social trading e del copy trader!

eToro social trading: guide alla piattaforma social

Prova il trading online con un conto demo gratuito

Piattaforma di Trading Voto Recensione Sito Web
eToro
eToro Opinioni Conto demo
Markets
Markets Opinioni Conto demo
24Option
24Option Opinioni Conto demo
ITRADER
ITRADER Opinioni Conto demo
XTB
XTB Opinioni Conto demo
* Your capital is at risk (CFD service)

Informazioni sull'autore

TommasoP

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com