Borse Europee: si chiude settimana nera con perdite di 137 miliardi

Pubblicato da: Luca M. - il: 11-11-2007 8:34 Aggiornato il: 12-09-2013 13:51
Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

E’ stato un venerdì nero per le Borse europee che hanno bruciato 137 miliardi di euro, capitanate dalla Borsa di Stoccolma che ha lasciato sul terreno il 2,65%. Tra le principali, il calo è di 1,21% a Londra, -1,91% per Parigi, -2,19% a Zurigo, -2,39% per Amsterdam, -1,82% a Milano. Pessima la seduta anche a Wall Strett, dove il Dow Jones ha chiuso in perdita dell’1,69% e il Nasdaq di 2,52%. In forte calo anche le Borse asiatiche a causa del prezzo del greggio e della svalutazione del dollaro. A far perdere quota alle Borse, le notizie di altre banche e finanziarie in crisi per i cosiddetti mutui subprime, i mutui facili americani.

Seduta pesante a Piazza Affari e su tutti i mercati europei, penalizzati dalla crisi delle banche negli Usa. A Milano il Mibtel è tornato sui livelli di settembre scorso. Lo S&P/Mib cede l’1,82% a 37.845 punti, il Mibtel il 2,02% a 29.402, l’All Stars l’1,78% a 15.874.

I volumi hanno toccato circa 8 miliardi di euro nel finale.

Maglia nera del listino è stato il Monte dei Paschi di Siena, che ha lasciato sul terreno l’11%. , Numerosi i downgrade degli analisti seguiti all’annuncio dell’accordo per l’acquisizione di Antonveneta per 9 miliardi di euro, finanziati per metà da un aumento di capitale. “Al mercato l’operazione non è piaciuta perché poco chiara e, inoltre, la sensazione è che Antoveneta sia stata strapagata”, dice un trader.

Male anche Unicredit, che chiude in calo del 2,62% dopo che nella seduta aveva esteso il ribasso vicino al 5%. Secondo un trader il titolo risente del clima fortemente negativo che pesa sui bancari, con Barclays in calo del 7% su voci di grosse perdite nel mercato del credito.

Poco prima della chiusura dei mercato, la banca ha smentito voci di ingenti svalutazioni e di operazioni sul capitale e ha ribadito la solidità patrimoniale del gruppo.

Nel resto del settore il Banco Popolare cede lo 0,47% e Intesa Sanpaolo lo 0,58%. Vendite anche su Fondiaria-Sai (-6,03%). Sul finale congelata per cinque minuti al ribasso la Popolare di Milano, che chiude in calo del 3,41%. L’indice europeo dei bancari cede nel complesso il 2%.

Le voci di placement hanno penalizzato Fiat, in calo del 4,93% con volumi sopra le media, contro auto europee a -1,2%. Unicredito ha smentito le voci di collocamento di titoli del Lingotto e sottolinea che l’intera quota è oggetto da tempo di opertazioni di copertura finanziaria.

Male anche il settore dell’energia, con Eni che cede l’1,6%. Fra le blue chip resiste alle vendite Mediolanum, che riesce ad avanzare dello 0,48%. Fra i minori balzano Cementir con una salita del 3,6% e I viaggi del Ventaglio (+3,32%).

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Plus500 Deposito: 100 €
Licenza: CySEC
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
DUKASCOPY EUROPE Deposito: 100 €
Licenza: FCMC - MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com