Inflazione in Italia ai massimi livelli

Pubblicato da: Luca M. - il: 30-11-2007 11:13 Aggiornato il: 12-09-2013 13:51

L’inflazione sale ai massimi valori in Italia e in tutta Europa nel mese di novembre.

L’Istat infatti ha comunicato che nel nostro Paese è salita al 2,4% contro il 2,1% registrato in ottobre, ed è ai massimi livelli dal giugno 2004. Su base mensile i prezzi sono cresciuti dello 0,4%. Volano tutti i beni di consumo alimentari, in particolare il pane con +12,4%, e la benzina che registra +2,2% sul mese scorso e +9,8% sull’anno.

Ma l’inflazione aumenta in tutta l’Unione Europea. Secondo stime di Eurostat, a novembre tocca il 3% rispetto al 2,6% del mese precedente, il livello più alto dal maggio 2001. E il Pil, nel terzo trimestre dell’anno, è salito al 2,7% in tutta l’area europea,  con +1,9% in Italia.

Appello da parte di Cgil, Cisl, Uil e Ugl al governo perché intervenga immediatamente sull’emergenza inflazione. Maulucci rappresentante della Cgil dice:” l’esecutivo si muova attraverso la diminuzione delle accise e i controlli e le sanzioni verso qualsiasi intervento speculativo”.

Baretta della Cisl commenta così “E’ urgente che convochi le parti interessate per evitare che questi dati inflattivi diventino preoccupanti”. Secondo Pirani di Uil “Occorre una politica adeguata che eserciti un effettivo controllo delle dinamiche dei prezzi e delle tariffe”. E Segarelli di Ugl “Non è più rinviabile un intervento del governo su salari e prezzi”.

I dati sull’inflazione preoccupano il governo italiano, ma l’Italia si conferma la più virtuosa nell’ambito europeo. Così il ministro dello Sviluppo Economico commenta i dati dell’Istat. Per Bersani, le cifre mettono in evidenza che il livello italiano è inferiore al 3% registrato in Europa.

“La relativa maggior tenuta è da imputare ai provvedimenti adottati dal governo in Parlamento che hanno controbilanciato,grazie alle liberalizzazioni e agli interventi sui farmaci,le tensioni sui prezzi alimentari ed energetici”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74 e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra 74 e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com