Il 2008 è stato l'anno record per l'inflazione

Pubblicato da: Luca M. - il: 09-01-2009 10:50
Valoreazioni

Vuoi un conto trading demo con 50.000€ gratis per fare pratica?In più anche segnali di Trading Gratis.Clicca qui

La crisi del mercato economico mondiale si fa sentire sia per quanto riguarda l’aumento dei prezzi che sull’inflazione. Il 2008 si è chiuso con l’inflazione che aveva raggiunto un livello record che non si registrava da ormai 12 anni. Anche se a dicembre è arrivata una piacevole sorpresa con l’Istat che ha fatto sapere che l’inflazione nell’ultimo mese del 2008 è scesa passando dal 2,7% di novembre al 2,2%.

Su base mensile i prezzi sono diminuiti così dello 0,1%. L’inflazione di fondo, al netto cioè di energia e alimentari, è stata pari al 2,5%.

Il calo dell’inflazione nel mese di dicembre è dovuto principalmente alla discesa dei prezzi dei carburanti.

Il tasso d’inflazione nel 2008 si è attestato al 3,3% toccando il valore massimo dal 1996, contro l’1,8% del 2007.

Nel 2008 si è avuto un balzo di circa l’1,5% con l’inflazione che aveva raggiunto livelli mai registrati da quando è stato introdotto l’euro. L’indice armonizzato europeo in media annua ha infatti segnato per il 2008 un +3,5%, il massimo da quando viene calcolato. Poi il crollo dei mercati finanziari, la crisi nel settore delle banche, la riduzione dei consumi hanno portato una netta riduzione.

Il calo dell’inglazione è stato prodotto soprattutto dai forti ribassi avuti nel settore energetico. Infatti l’energia ha registrato nel mese scorso un calo congiunturale del 4% e tendenziale del 2% (dal +3,3% di novembre).

Il prezzo del petrolio in particolare è crollato in media del 75% rispetto al picco toccato l’11 luglio scorso. Il greggio però sta recuperando terreno proprio in questi ultimi giorni. Si riaffaccia infatti sopra i 50 dollari al barile il greggio di riferimento europeo sui circuiti e poi si attesta a 50,62 dollari al barile sui future di febbraio per il Brent.

Al netto della componente, inoltre, l’inflazione calcolata dall’Istat è pari al 2,6% contro il 2,2% complessivo. Il calo è significativo soprattutto per i carburanti: la benzina verde ha registrato una diminuzione congiunturale rispetto a novembre dell’8,1% e tendenziale, rispetto cioè a dicembre 2007, del 16,3%; per il gasolio il calo è stato invece del 7,6% su novembre e del 12,7% su dicembre 2007.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 250€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com