Il 2008 è stato l'anno record per l'inflazione

Pubblicato da: Luca M. - il: 09-01-2009 10:50

La crisi del mercato economico mondiale si fa sentire sia per quanto riguarda l’aumento dei prezzi che sull’inflazione. Il 2008 si è chiuso con l’inflazione che aveva raggiunto un livello record che non si registrava da ormai 12 anni. Anche se a dicembre è arrivata una piacevole sorpresa con l’Istat che ha fatto sapere che l’inflazione nell’ultimo mese del 2008 è scesa passando dal 2,7% di novembre al 2,2%.

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Su base mensile i prezzi sono diminuiti così dello 0,1%. L’inflazione di fondo, al netto cioè di energia e alimentari, è stata pari al 2,5%.

Il calo dell’inflazione nel mese di dicembre è dovuto principalmente alla discesa dei prezzi dei carburanti.

Il tasso d’inflazione nel 2008 si è attestato al 3,3% toccando il valore massimo dal 1996, contro l’1,8% del 2007.

Nel 2008 si è avuto un balzo di circa l’1,5% con l’inflazione che aveva raggiunto livelli mai registrati da quando è stato introdotto l’euro. L’indice armonizzato europeo in media annua ha infatti segnato per il 2008 un +3,5%, il massimo da quando viene calcolato. Poi il crollo dei mercati finanziari, la crisi nel settore delle banche, la riduzione dei consumi hanno portato una netta riduzione.

Il calo dell’inglazione è stato prodotto soprattutto dai forti ribassi avuti nel settore energetico. Infatti l’energia ha registrato nel mese scorso un calo congiunturale del 4% e tendenziale del 2% (dal +3,3% di novembre).

Il prezzo del petrolio in particolare è crollato in media del 75% rispetto al picco toccato l’11 luglio scorso. Il greggio però sta recuperando terreno proprio in questi ultimi giorni. Si riaffaccia infatti sopra i 50 dollari al barile il greggio di riferimento europeo sui circuiti e poi si attesta a 50,62 dollari al barile sui future di febbraio per il Brent.

Al netto della componente, inoltre, l’inflazione calcolata dall’Istat è pari al 2,6% contro il 2,2% complessivo. Il calo è significativo soprattutto per i carburanti: la benzina verde ha registrato una diminuzione congiunturale rispetto a novembre dell’8,1% e tendenziale, rispetto cioè a dicembre 2007, del 16,3%; per il gasolio il calo è stato invece del 7,6% su novembre e del 12,7% su dicembre 2007.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Perché investire da solo ? Inizia a copiare automaticamente gli investimenti dei migliori traders al mondo.

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Il 74/89% di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD.

Investimenti

Fai trading con fiducia di CFD su Azioni, Indici, Forex e Criptovalute

Fidata, Semplice, Innovativa. Unisciti ai milioni che hanno già fatto trading con Plus500.
Plus500CY è registrata presso CONSOB per offrire servizi in Italia (n. di registrazione 4161)

Non perdere la tua prossima opportunità:

• Negozia sui mercati con spread stretti
• Ottieni il controllo impostando avvisi sui prezzi e strumenti di gestione dei rischi
• Senza commissioni
• Fai trading di CFD su Azioni, Indici, Forex e Criptovalute

Acquisisci il controllo

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:
• Stop Limit / Stop Loss / Trailing Stop
• Stop garantito
• Notifiche push e via email GRATUITE sugli eventi di mercato
• Allarmi sui movimenti di prezzo, % di cambio e opinioni dei trader