Piazza Affari apre settimana in ribasso

Pubblicato da: Luca M. - il: 09-02-2009 4:47

Apertura di settimana in lievi ribasso per Piazza Affari, in linea con le altre borse europee e sulla scia della chiusura negativa di Tokyo, per poi tornare verso la parità.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

L’attenzione degli investitori si concentra soprattutto verso il piano anti-crisi varato negli USA in una giornata in cui mancano particolari spunti dal punto di vista macro.

Alla Borsa di Milano il Mibtel in apertura di giornata ha fatto segnare -0,1% e l’S&p mib uguale -0,1%. 

Fra le blue chip apertura in picchiata per Seat (-5,4%), seguita da Autogrill (-1,8%), le costruzioni con Italcementi (-1,2%), Impregilo (-0,9%) e Buzzi (-0,9%), gli energetici con Eni (-1%) ed Enel (-0,9%).

Contrastati i titoli bancari con Intesa (-0,6%) in rosso e rialzi per Mps (+0,6%), Bpm (+0,6%), Banco Popolare (+0,6%) e soprattutto Unicredit (+2,3%), partita in ribasso, sulle preoccupazioni per il passo indietro della fondazione Cariverona sulla sottoscrizione dei cashes, e poi girata in rialzo dopo pochi minuti. Bene anche Fiat (+0,8%) nonostante Goldman Sachs abbia oggi abbassato il target price sul lingotto da 9 a 7 euro. Forti acquisti su Parmalat (+2,2%) dopo gli accordi transattivi con Deutsche Bank e Ubi, e Alleanza (+1%). 

Sul completo da segnalare la sospensione del titolo It Holding dalle contrattazioni dopo che la società ha chiesto l’amministrazione straordinaria.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.