Bankitalia accusa: tassi d'interesse per mutui troppo alti

Pubblicato da: Luca M. - il: 08-06-2007 3:58

I mutui praticati in Italia sono i più cari d’Europa. Una differenza di mezzo punto percentuale che fa dei clienti delle banche italiane i più penalizzati di tutta l’area dell’euro. L’allarme questa volta non arriva dalle associazioni dei consumatori, ma dalla stessa Banca d’Italia. «C’è un differenziale anomalo tra i nostri mutui e la media dell’euro», ha riconosciuto ieri Giovanni Carosio, vice direttore generale di via Nazionale. Carosio ha spiegato che il tasso d’interesse sui nuovi prestiti alle famiglie per l’acquisto della casa, nel complesso, a marzo di questo anno era al 5,2%, a fronte del 4,7% della media dell’euro.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Una bella differenza che si riscontra anche nello spread tra il costo dei mutui a tasso fisso e quelli a tasso variabile, che nel 2006 è stato di ben 80 punti base contro i 30 degli altri paesi europei, forse anche a causa del ricorso sempre maggiore ai mutui a tasso fisso da parte delle famiglie.

Già furibondi i rappresentanti dei consumatori. «Il differenziale fra i tassi sui mutui italiani e quelli europei è un malvezzo delle banche e non ha giustificazione, noi lo diciamo da tanti anni ed è un bene che ora lo constati anche la Banca d’Italia», attaccano Elio Lannutti (Adusbef) e Rosario Trefiletti (Federconsumatori).

L’anomalia, però, secondo palazzo Koch non è irrecuperabile. Una delle novità più rilevanti dell’andamento del mercato creditizio negli ultimi tempi, infatti, è l’effetto combinato del raffreddamento della domanda di mutui da parte delle famiglie, su cui pesa la stretta monetaria avviata dalla Banca centrale europea, e dei vivaci ritmi di crescita del mercato europeo dei cosiddetti covered bond. Una circostanza che potrebbe andare per una volta a favore dei consumatori, producendo un riallineamento verso il basso dei tassi di interesse.

«Nel 2006 in Italia il tasso di crescita dello stock di prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni si è ridotto al 12,3% dal 18% del 2005», ha chiarito Carosio, secondo il quale sembrerebbero dunque esistere le condizioni perché la domanda di mutui in rallentamento e l’offerta in espansione contribuiscano ad eliminare la vistosa disuguaglianza tra i tassi italiani e quelli europei.

Nel pronunciare questa ottimistica previsione Carosio, intervenuto ieri a Roma a un convegno organizzato dall’Abi (l’associazione delle banche) proprio sui «covered bond», conta molto sull’espansione in Italia di questo strumento finanziario. L’emissione di covered bond, cioè di obbligazioni garantite dalle banche appunto con i crediti generati dai mutui, sta difatti conoscendo un momento di espansione in tutta Europa. Il meccanismo permette alle banche di raccogliere danaro in maniera più efficiente e a un costo più basso, e secondo l’Abi dovrebbe spingere gli istituti a praticare a loro volta interessi più contenuti sui mutui.

«L’ampiezza potenziale del mercato italiano delle obbligazioni garantite, l’intensità della crescita della domanda da parte degli investitori internazionali e la preponderanza dei mutui ipotecari residenziali tra gli attivi utilizzabili a garanzia, fanno pensare che la nuova regolamentazione possa avere l’effetto di attenuare la tendenza al rialzo dei tassi di interesse», ha concordato Carosio. Una prospettiva che secondo alcuni analisti, però, per il momento è solo teorica, perché non è detto che le banche utilizzeranno le economie prodotte dal nuovo strumento a favore degli utenti, e non per aumentare ulteriormente i loro margini. Preoccupazione evidentemente sentita anche da Bankitalia. Mentre Adusbef e Federconsumatori chiedono alle banche «coerenza con i tassi praticati a livello europeo».

Fonte: http://www.lastampa.it

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

etoro

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di social trading

Il modo piu’ intelligente per investire,  copiare automaticamente i trader piu’ esperti.

Questa è la rivoluzione del social trading di eToro.

Condividi sulla community le tue strategie di trading e utilizza la funzione di CopyTrader™.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.

Il 75% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo provider. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.