Eni, 20 miliardi di dollari pronti per la Libia

Pubblicato da: MatteoT - il: 13-07-2010 2:16

I rapporti tra Berlusconi e Gheddafi, colonnello libico, iniziano a portare i suoi frutti; il gruppo petrolifero italiano Eni investirà, in un arco temporale di 10 anni, quasi 20 miliardi di dollari nel Paese africano.
E’ quanto riferito da Paolo Scaroni, Ad di Eni, durante il convegno sull’energia organizzato nell’ambito del forum Euromed 2010.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

“Abbiamo rinnovato le concessioni in Libia – ha detto Scaroni – per 35 anni e quindi rimarremo fino al 2045”. L’intesa era stata firmata dall’Eni nel 2008. Scaroni ha sottolineato l’importanza dell’area nordafricana per l’Eni, dove la società petrolifera negli ultimi 10 anni ha investito 50 miliardi di dollari e dato occupazione a più di 5 mila persone.

“Certamente, per noi – ha sottolineato – il Nord Africa è un’area assolutamente chiave della nostra strategia. I Paesi petroliferi del Nord Africa (Libia, Tunisia e Algeria e Egitto), pur rappresentando meno del 5% della produzione mondiale di petrolio, per noi rappresentano quasi il 35% delle nostre produzioni”.

L’Eni inoltre si appresta a siglare con la compagnia petrolifera statale egiziana Egpc una «grande intesa», che prevede tra l’altro il suo coinvolgimento «nei nostri progetti in Iraq, primo tra tutti quello di Zubair». «Il prossimo 21 luglio – ha precisato Scaroni – firmeremo una grande intesa con il ministro egiziano del petrolio».

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.