Campari e Lottomatica aumentano di potere negli states

Pubblicato da: MatteoT - il: 17-09-2010 5:38

La presenza negli Stati Uniti di Campari e Lottomatica è stata rafforzata; il primo, dopo aver rilevato meno di 12 mesi fa il marchio del bourbon Wild Turkey ha comprato tre nuove etichetti di alcolici spendendo 128,2 milioni di euro; mentre il leader delle scommesse italiane, attraverso la controllata Gtech ha vinto la prima privatizzazione delle lotterie Usa, quella dell’Illinois.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Anche se l’operazione di Lottomatica dovrebbe avere un impatto relativo sui conti (si stimano a regime 15-20 milioni di margine lordo aggiuntivo), è il segnale a essere importante. Finora Gtech ha operato in concessione nella gestione per conto degli Stati dei giochi, adesso invece si sta aprendo il processo di privatizzazione in concessione per periodi lunghi, 10 anni nel caso dell’Illinois, che potrebbe creare un precedente in Nord America.

Il crescente bisogno degli Stati di avere non solo entrate ricorrenti, ma anche introiti eccezionali con cui soddisfare il proprio fabbisogno dopo un lungo periodo di crisi, potrebbe portare a un’ondata di privatizzazioni nel settore, negli Stati Uniti. Secondo gli esperti di Equita, la vittoria della gara in Illinois aggiunge 0,8 euro al valore delle azioni Lottomaitca, che è stimato in 15,7 euro ciascuna. E ieri le azioni del gruppo che fa capo a De Agostini hanno guadagnato l’1,39% a quota 11,64 euro.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.