Unicred: Rampl potrebbe lasciare la carica

Pubblicato da: MatteoT - il: 28-10-2010 8:09 Aggiornato il: 29-10-2010 14:57

Il presidente di Unicredit, Dieter Rampl, potrebbe lasciare la propria carica all’interno della banca; è quanto si apprende da notizie tedesche che riferiscono della sua delusione maturata a seguito delle nomine; egli voleva una seconda direzione generale dedicata al corporate investment banking.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

“Per quanto ne so, sono stato eletto dall’Assemblea fino all’aprile del 2012” risponde Rampl durante il tragitto verso Mediobanca, di cui è vicepresidente e dove oggi è in programma l’assemblea. “Quindi non si dimetterà” ha chiesto un cronista. “Ho già risposto” ha detto il capo di Unicredit.

La smentita è stata confermata dall’Amministratore Delegato Federico Ghizzoni a margine della Giornata mondiale del risparmio. Ha poi aggiunto: “Sono positivo per il 2011 più che per il 2010: ci stiamo riprendendo. Guardiamo avanti positivamente, la crisi sta passando”.

Il Corriere della Sera, che ha rivelato la notizia, parla, tra i possibili sostituti, del manager di Hvb, Theo Weimer.

Intanto, in un colloquio con il WSJ, l’amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni esplicita la volontà della banca di espandersi sul mercato retail, focalizzandosi prevalentemente in Europa centrale ed orientale, in particolar modo Russia e Turchia: “Noi possiamo fare di più in quell’area”.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.