Fiat: ottobre nero per Marchionne

Pubblicato da: MatteoT - il: 17-11-2010 7:57

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

L’ottobre delle immatricolazioni di Fiat è stato pessimo; nel decimo mese dell’anno Fiat Group Automobiles ha fatto registrare in Europa un crollo del 32,7% di immatricolazioni, attestandosi a 73.774 unità contro le 109.699 di dodici mesi fa.
Nei primi dieci mesi dell’anno il calo del gruppo torinese è stato del 16,3% a fronte di 896.467 nuove vetture immatricolate.

Ma è tutto il mercato dell’auto in Europa che è in flessione. Anche a ottobre infatti, dopo i cali registrati negli ultimi mesi, le immatricolazioni sono scese: il dato è -16,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Le auto nuove registrate sono state 1 milione 62 mila. Negativo anche il saldo dei primi dieci mesi del 2010 che (con 11 milioni 629 mila vendite) chiudono con una perdita del 5%.

A proposito della crisi che sta imperversando su tutto il mondo, Marchionne torna a punzecchiare l’Italia: “il Paese ha bisogno di chiarezza e di certezze, e serve stabilità politica“.

Insomma, per Marchionne, la crisi, “o ce l’abbiamo o non ce l’abbiamo: c’è o non c’è? Non capirlo è ciò che innervosice il mondo intero”. Infatti per il numero uno di Fiat il problema non è solo italiano “ma europeo. E’ una situazione non facile, che va impattare anche sull’atteggiamento dei consumatori e dei clienti”. ha spiegato. “Si è visto benissimo l’impatto sul livello occupazionale in Italia. A Mirafiori e in altri impianti ho sempre detto che avremmo adeguato la produzione alla domanda. C’è un problema di sovracapacità. Nessun produttore europeo sta guadagnando soldi”.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.