Il lusso va a gonfie vele

Pubblicato da: MatteoT - il: 24-11-2010 14:28

Se c’è un settore che sembra non risentire la crisi è sicuramente quello del lusso; ancora prima del Natale, le aziende impiegate nel luxury hanno già annunciato risultati a doppia cifra; oggi è toccato al colosso Prada ed alla famosa azienda di gioiellli Tiffany.

E l’azienda statunitense Tiffany ha chiuso il terzo trimestre fiscale con un aumento dei profitti del 27%, prestazione migliore rispetto quelle previste dagli analisti. Tra agosto ed ottobre il gruppo Usa ha registrato un utile pari a 55,1 milioni di dollari, contro i 43,3 pervenuti dalle stime degli analisti.
Queste notizie hanno fatto lievitare le azioni del gruppo quotato a Wall Street in rialzo del 4,5% a metà seduta a 61 dollari per azione, ma anche la cugina Bulgari a Milano è salita dell’1% a 7,5 euro.

I risultati di Prada, che chiude l’anno fiscale al 31 gennaio, sono stati anche più brillanti di quelli di Tiffany. Nei nove mesi compresi tra febbraio e ottobre il gruppo guidato da Patrizio Bertelli ha registrato un aumento dei ricavi del 31% raggiungendo quota 1.386 milioni e un utile di 156 milioni, che è già ampiamente superiore ai profitti realizzati nell’intero esercizio 2009. “Questi dati confermano come la strategia di sviluppo della rete retail sia vincente – ha commentato Bertelli – gli eccellenti risultati ci fanno guardare con fiducia allo sviluppo del gruppo Prada”.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com