Usa, lo shopping natalizio è online

Pubblicato da: MatteoT - il: 29-11-2010 13:25

Buona parte dell’economia mondiale dipende dall’America e quindi è inevitabile che nel mese di Natale è negli Usa che sono puntate le attenzioni di tutto il mondo al fine di verificare l’andamento dei consumi, che saranno effettuati prevalentemente online; su questa scia il titolo amazon.com ha toccato il proprio massimo storico a 181,84 dollari per azione.
“Amazon dovrebbe superare il trend di crescita del settore dell’e-commerce, con margini ancora più significativi rispetto a quelli degli anni precedenti”, ha detto un analista di Caris & co. negli States.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Oggi c’è un’altra prova del nove, con il “cyber monday”, uno dei giorni più caldi per il commercio sul web in America. Un termine nato cinque anni fa, dalla prassi locale di effettuare ordini di beni e servizi online, approfittando del ponte festivo che cade con il giorno del Ringraziamento. Quest’anno i dollari spesi per l’occasione sono aumentati del 28% rispetto al 2009, stando alle stime di comScore. L’ammontare complessivo degli acquisti online fino a Natale è invece stimato in 32,4 miliardi di dollari, con un incremento dell’11%.

Amazon.com è il leader di quell’industria, e questo spiega il suo balzo in Borsa. Ma il denaro degli investitori si è sparso anche sulle rivali Overstock.com (+2.1%), Blue Nile (+3.3%). Le associazioni dei distributori stimano che un terzo dei consumatori del black friday abbiano comprato beni online (+15%), e circa un terzo dei 45 miliardi “investiti” in merci e regali sarebbe passata dalla rete telematica.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.