OCSE rivede ribasso stime Pil, Borse europee in calo

Pubblicato da: Luca M. - il: 05-09-2007 14:19

L’Ocse rivede al ribasso le stime di crescita del Prodotto interno lordo in Italia, Francia e Germania. Rispetto alle previsioni formulate a maggio, le stime di crescita del Pil per il 2007 per l’Italia passano da 2% a 1,8%, per la Francia da 2,2% a 1,8% e per la Germania da 2,9% a 2,6%. Lo ha indicato il capo economista dell’Organizzazione, Cotis, in occasione di un incontro a Parigi. Per l’insieme della zona euro, la revisione della crescita è passata dal 2,7% al 2,6%. Per gli Usa il taglio è dal 2,1% all’1,9%. Per Cotis, in Eurolandia, è “garantita” una stretta monetaria da parte della Bce, a causa della crisi dei mutui Usa.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Fioccano le vendite a Piazza Affari con gli indici che accusano forti ribassi come nelle altre Borse europee. A deprimere i mercati azionari europei è la notizia di una revisione al ribasso delle stime di crescita del Pil, per il 2007 di Italia, Francia e Germania. Il Mibtel perde oltre il 2%.Tra i titoli,più penalizzati i bancari come Intesa San Paolo, Unicredit,Capitalia e Bmp Le Borse europee hanno ampliato le perdite dopo l’avvio in negativo di Wall Street e l’ulteriore calo dovuto alla diffusione dei dati sul tonfo dei contratti di compravendita delle abitazioni esistenti (-12,2% a luglio).

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.