Mercati finanziari: via libera a direttiva Mifid

Pubblicato da: Luca M. - il: 23-09-2007 7:25

Il Consiglio dei ministri ha approvato il regolamento che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari e introduce novità in materia di vigilanza.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Il Consiglio del ministri ha dato il via libera al recepimento della direttiva Ue Mifid per la trasparenza dei mercati finanziari. La direttiva recepita disciplina gli intermediari e i mercati finanziari. Per gli intermediari viene introdotto un nuovo servizio che è quello della consulenza e si ridisegna la tutela dell’investitore. Viene inoltre ridefinito il concetto di “esecuzione dell’ordine alle migliori condizioni”. Mentre per i mercati viene abolito l’obbligo di concentrazione nei mercati regolamentati (così da favorire la concorrenza tra le sedi di negoziazione e quindi favorire la riduzione dei costi) e previste nuove sedi di negoziazione che si affiancheranno ai mercati regolamentati.

Alcune novità riguardano anche la vigilanza: vengono ampliati gli obiettivi dell’attività e definiti nuovi principi nella regolamentazione e nuove modalità sono previste per la collaborazione tra le autorità di vigilanza. Il decreto attuativo prevede infatti che si arrivi ad un protocollo di intesa per il coordinamento dei compiti di vigilanza. Questo anche per ridurre il rischio di sovrapposizione di competenze nel ‘modello funzionale’ basato sul controllo della stabilità affidato a Bankitalia e della trasparenza e correttezza dei comportamenti a Consob. Sempre in tema di vigilanza viene introdotto il ‘regolamento unitario’ per le due autorità.

In tema di consulenza viene, invece, istituito l’albo dei consulenti finanziari che sarà tenuto da un organismo di natura associativa a cui sarà affidato anche il compito di vigilanza sui consulenti. La ‘clientela’ viene ‘tripartita’ in: controparti qualificate, clienti professionali e clienti al dettaglio, mentre vengono fissati ‘paletti’ per evitare conflitti di interesse per gli intermediari.

Per il mercato di derivati sull’energia vengono poi introdotte competenze di vigilanza dell’Autorità per l’energia in coordinamento con la Consob.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.