Crisi finanziaria: dopo la Grecia a chi toccherà?

Pubblicato da: Luca M. - il: 30-10-2010 8:02

teixeira_dos_santos_ric_jpn2

Gli addetti ai lavori del mondo della finanza si chiedono in continuazione: “dopo la Grecia a chi toccherà? Ad Irlanda e Portogallo. E poi?”. Dato che il nostro paese è considerato parte della periferia dell’Europa, come viene chiamato oltreocenao a Wall Street, un pò meglio degli altri ma senza esagerare, noi, gli italiani e chi ci governa, dovremo provare angoscia nel sentire questa domanda.

L’effetto domino è concreto e tutti dobbiamo temerlo. Per tutti i paesi che violano le regole UE, la commissione europea ha proposto sanzioni più severe. Il sistema bancario, nonchè la ripresa della sua economia, può essere minacciato dalla turbolenza finanziaria della periferia dell’euro-zona.

Il Wall Street Journal, considerato una vera e propria “bibbia” della finanza americana, scrive: dopo che Moody’s ha tagliato il rating di 3 livelli (a Baa3) ad Anglo Irish Bank, la banca irlandese, le preoccupazioni sono aumentate. Ma non solo. Il giornale aggiunge inoltre che il sistema bancario è di fatto paralizzato dal collasso del mercato immobiliare irlandese. Il Governo, trovandosi alle strette, è dovuto intervenire in soccorso con 33 miliardi di euro, ovvero 1/5 del prodotto interno lordo.

Fernando Teixeira dos Santos, Ministro delle finanze portoghese, sta cercando di convincere il governo ad insitere (nonostante l’opposizione, tramite i suoi legali, sta minacciando di bloccare l’aumento delle tasse) con i piani per tagliare il deficit di bilancio. Le rendite in relazione al debito del paese stanno schizzando, visto l’incertezza riguardo alla capacità del Portogallo di adottare ulteriori misure fiscali. Questo è un chiaro segnale della crescente preoccupazione degli investitori. Come ultima considerazione vi illustro un dato: 4,2 punti percentuali. E’ salito così il divario tra i rendimenti dei bond a dieci anni di Portogallo e Germania. Sicuramente un dato che impressiona.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com