Borsa Europea: Nel 2008 ancora in alto grazie all’Asia

Pubblicato da: Luca M. - il: 01-11-2007 11:22 Aggiornato il: 12-09-2013 13:03

Nel 2008 le Borse europee e la Borsa Americana continueranno a salire, anche se per l’economia statunitense si prepara un “atterraggio duro”, un brusco rallentamento, che però non dovrebbe sfociare in recessione.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

A descrivere questo quadro con tanti chiaroscuri, ma dal tono di fondo ancora roseo, è Pascale Auclair, direttore generale e responsabile degli investimenti di La Francaise des Placements, società parigina di gestione del risparmio che si caratterizza per l’indipendenza, l’approccio innovativo della gestione e un patrimonio gestito di 8 miliardi di euro.

Sono due i motivi che spingono Madame Auclair a essere positiva sul mercato azionario: la crescita degli utili aziendali e la prospettiva di nuovi cali dei tassi di interesse.

“Abbiamo fiducia sul livello di redditività delle aziende, ci aspettiamo nei prossimi anni una crescita media degli utili per azione del 3,5% in Europa e del 4% in America e questo non è in contraddizione con il rallentamento dell’economia statunitense. Il fatto è – dice la gestrice – che le società occidentali gli utili li faranno sempre meno in Occidente, ma nelle altre aree del pianeta, nei Paesi emergenti”. L’esempio è quello di Caterpillar, che pochi giorni fa ha annunciato risultati deludenti, ma a fronte delle difficoltà all’interno degli Stati Uniti ha messo in evidenzia una crescita importante al di fuori.

A Milano per presentare La Francaise des Placements alla comunità finanziaria italiana (la società ha solo clienti istituzionali), Pascale Auclair spiega che i suoi prodotti sono tutti fondi “absolute return”, senza benchmark e con un orizzonte temporale di medio termine.

Come biglietto da visita per l’Italia, ha scelto LFP Allocation, un fondo che si caratterizza per un’allocazione di portafoglio dinamica, totalmente flessibile, che attualmente ha un patrimonio gestito di 800 milioni di euro.

Partito nell’ottobre 2003, il fondo vanta un ritorno medio anno dell’8,3%.

X

Avviso di rischio - Il 67-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.