La storia del forex

Pubblicato da: Luca M. - il: 14-11-2007 3:45

Il mercato del Forex nasce in concomitanza con la fine della Seconda Guerra Mondiale. A Bretton Woods, l’occidente pianificava di creare un sistema monetario internazionale stabile per favorire la rinascita dei commerci e degli stati distrutti da quasi un lustro di guerra.. I leader occidentali puntarono quindi ad un sistema di cambi fissi, basato sulla determinazione irrevocabile di un tasso di cambio contro il Dollaro rispetto a tutte le altre valute mondiali.

Gli accordi di Bretton Woods furono validi fino al 1973, quando gli Stati Uniti decisero di voler mettere fine alla prezzo fisso della loro moneta, fino a quel momento mantenuta stabile a 35 dollari.(un oncia d’oro.)

Il mercato valutario, come quello dei titoli di borsa iniziò quindi a fluttuare in base alla domanda e l’offerta del mercato, dando luogo, in poche parole a quello che è l’attuale mercato interbancario moderno.

Il tasso di cambio divenne quindi, dopo il 1973 una delle variabili economiche basilari di tutti i mercati. Anche l’Europa, nel 1978 iniziò un percorso simile a quello di Bretton Woods, che ha trovato, ai giorni nostri, sua naturale conclusione nella creazione ed istituzione della moneta unica europea, l’Euro.

Questo passaggio, bisogna sottolinearlo, è stato reso possibile dall’avvicinamento politico ed economico degli stati dell’Unione Europea: non sempre è infatti possibile imbrigliare le valute di un paese, essendo le stesse espressione della situazione economo-politica dello stato che rappresentano. Il Forex risente molto dell’economia propria dei paesi che vi partecipano: il loro andamento socio economico è infatti in grado di interferire sui tassi di Cambio, rendendo lo stesso Forex “imprendibile” anche dalla stesse Banche centrali che con le loro dinamiche, per assurdo, ne regolano l’andamento.

Il Forex, per le sue caratteristiche rappresenta la momento il più liquido e grande mercato esistente sul pianeta. Il valore medio di ogni transazione globale giornaliera è infatti stimabile in circa 1,500 miliardi di dollari.

Prova il trading online con un conto demo gratuito

eToro Deposito: 200€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
Markets Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
24Option Deposito: 100€
Licenza: Cysec
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
ITRADER Deposito: 250 $
Licenza: CySEC, MiFID
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio
XTB Deposito: 100 €
Licenza: KNF (licenza polacca)
APRI UN CONTO GRATUITO
Il tuo capitale è a rischio

* I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 65% e l'89% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Avviso di rischio: Il trading CFD comporta un sostanziale rischio di perdita. Una percentuale di investitori tra il 65% e 89% perde il proprio denaro durante il trading CFD.Your capital might be at risk

E-investimenti.com

E-investimenti.com