Record inflazione a dicembre con +2,6%

Pubblicato da: Luca M. - il: 04-01-2008 9:55

L’inflazione sulla scia del caro petrolio e degli aumenti dei prodotti alimentari, in particolare di pane e pasta, è salita nel mese di dicembre 2007 del 2,6% toccando il valore record mai raggiunto dl 2003.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Secondo stime dell’Istat i prezzi al consumo sono saliti del 2,6% su base annua e questo è il massimo valore mai toccato in Italia dall’ottobre 2003. Nel mese di novembre era già stato toccato il +2,4%, quindi su base mensile i prezzi di dicembre avanzano dello 0,3%.

Considerando nel dettaglio i prodotti che hanno subito un maggiore aumento di prezzo sono quelli energetici e quelli alimentari, con un picco del 15,4% annuo per il gasolio e del 12,3% per il pane. Questo dimostra quanto il tanto temuto aumento dei prezzi si sta verificando nel nostro paese anche se i dati dell’inflazione media annua nel 2007 mostrano un rallentamento dal 2,1% del 2006 all’1,8%, la percentuale più bassa dal 1999.

Ma l’inflazione ha ripreso a crescere in tutta Eurolandia e non solo in Italia.

A dicembre le stime di Eurostat registrano una pausa al 3,1% tendenziale sullo stesso livello di novembre, che comunque è un dato ben lontano dal target del 2% fissato dalla Bce. Il dato sui prezzi al consumo in Spagna a dicembre ha fatto registrare un balzo in avanti del 4,3% annuo, ai massimi da 10 anni.

L’inflazione è in forte crescita anche in Svizzera, dove a dicembre i prezzi al consumo avanzano del 2%, al ritmo più veloce dal 1995.

In Italia a dicembre il comparto energetico ha fatto registrare un aumento congiunturale dell’1,1% e tendenziale del 6,5%, con la benzina a fare da traino con il +1,5% mensile e +11,6% annuale assieme al gasolio mentre luce e gas registrano un calo su base annua dell’1%. Nel settore alimentare che è ilcomparto che spinge in su l’aumento dei prezzi pane e cereali registrano un incremento annuo congiunto del 7,5%, col pane a +12,35 e la pasta a +8,4%.

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.