Borse Europee in rosso e ondata di vendie a Piazza Affari dopo tonfo Borse Asia

Pubblicato da: Luca M. - il: 21-01-2008 5:03 Aggiornato il: 11-07-2014 11:33

La paura della recessione americana, innescata da una crisi dei mutui subprime più grave del previsto, e la delusione per il piano di stimolo all’economia presentato venerdì dal presidente Usa George Bush, hanno provocato un vero e proprio terremoto nelle Borse Mondiali. Pesanti i cali su tutti i listini dall’Europa all’Asia, dove il Nikkei di Tokyo ha perso il 3,86%, tornando ai livelli dell’ottobre 2005.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Si registra in apertura della settimana anche un ondata di vendite nelle Borse Europee.

Le Borse asiatiche sono in caduta libera in conseguenza delle reazioni negative al piano di rilancio dell’economia Usa presentato da Bush venerdì scorso e per i timori di recessione americana. La Borsa di Tokyo ha chiuso gli scambi precipitando con un tonfo del 3,86%. L’indice Nikkei dei 225 principali titoli è sceso a 13.325,94 punti, cedendo 535,35 punti rispetto a venerdì scorso. Sul mercato dei cambi nipponico, l’euro si è indebolito rispetto al dollaro, a 1,4544, e dello yen, a 155,40. Pesanti perdite anche a Shanghai, -5,1% e Hong Kong, che sfiora il -5%. La Borsa di Tokyo ha chiuso quindi le contrattazioni precipitando del 3,86%,sull’onda delle reazioni negative degli investitori al piano di rilancio dell’economia americana presentato da Bush venerdì scorso.

L’indice di Shanghai è scivolato sotto la soglia dei 5.000 punti, perdendo oltre il 5%, sui timori per i livelli di liquidità dopo che Ping An Insurance, la seconda compagnia assicurativa del Paese, ha annunciato un importante piano di emissione di nuove azioni e obbligazioni. Clamoroso il crollo della Borsa indiana, in calo addirittura del 9%, portando al 15% le perdite dal 10 gennaio scorso. Si tratta del calo più accentuato da circa quattro anni.

Questo ha portato un lunedì e un avvio di settimana molto pesante anche per le Borse europee che scontano le forti perdite sui mercati asiatici. A Piazza Affari, il primo indice Mibtel ha segnato -0,91%,a quota 26.664 punti, ma dopo i primi scambi accentua le perdite per l’ondata di vendite che interessa anche gli altri listini europei. In forte calo anche le altre piazze europee con Francoforte che apre a -0,29%, Londra apre a -1,58%, Parigi segna -2,23%, Amsterdam +0,27%, Zurigo -1,97%.

Sin dalle prime battute quindi tutti i listini europei sono apparsi in difficoltà, mentre Wall Street resterà chiusa per il Martin Luther King Day. Il Dj Stoxx 600, indice di riferimento sui mercati del vecchio continente, è ai minimi, in calo dell’1,3%; le vendite si concentrano soprattutto sulle banche: Bnp Paribas arretra del 4%, Ubs del 3,6% e Société Générale del 5,1%. Le flessioni sono quasi ovunque ben superiori ai due punti percentuali con oltre il 2,5% a Londra e Francoforte, mentre Parigi scivola di oltre il 3,2%.

Alle 9:20 di stamattina l’indice paneuropeo Ftseurofirst 300 cede il 2,14% a 1.329 punti, il livello più basso da agosto 2006. L’indice benckmark dell’azionario europeo ha già perso l’11% dall’avvio dell’anno, penalizzato dalla prospettiva di un cambiamento di rotta nell’economia Usa. Lo stoxx delle banche europeo perde il 2,5%.

Soffrono, ovviamente, anche gli indici di Milano a Piazza Affari a pochi minuti dall’avvio delle contrattazioni il Mibtel perde l’1,77% e lo S&P/Mib cede l’1,92%. Sul mercato non si trova un solo segno positivo. A guidare i ribassi sono Prysmian (-5,62%), seguita da Alitalia (-3,96%) e da Luxottica (-3,30%). Giù anche i bancari con Unicredit (-2,67%), Popolare di Milano (-3,48%), Mps (-3,19%), Mediobanca (-2,81%) e intesa Sanpaolo (-1,87%). Bersagliato dalle vendite anche il comparto assicurativo dove Generali perde oltre tre punti percentuali (-3,46%), Fondiaria il 2,99%, Mediolanum il 2,04%. Arretrano Anche Saipem (-3,91%), Fiat (-2,51%), e Mediaset (-2,50%).

Informazioni sull'autore

Luca M.

Appassionato di Investimenti nel trading Online, Borsa, Trading Forex e Opzioni Binarie

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

etoro

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di social trading

Il modo piu’ intelligente per investire,  copiare automaticamente i trader piu’ esperti.

Questa è la rivoluzione del social trading di eToro.

Condividi sulla community le tue strategie di trading e utilizza la funzione di CopyTrader™.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.

Il 75% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo provider. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.