Risparmiatori in fuga dai fondi: buco record da 19 miliardi

Pubblicato da: Luca M. - il: 17-02-2008 6:52

Il patrimonio netto del settore fondi è sceso dai 570 miliardi di fine dicembre agli attuali 538,6 in parte per i deflussi netti, e in parte per la crisi dei mercati, che ha ridotto il valore delle attività in portafoglio. E, ancora una volta, i risparmiatori rischiano di pagare due volte la crisi: prima le performance deludenti dei fondi, poi uscendo nel momento meno opportuno dall’investimento, immortalando la crisi nel momento peggiore o quasi. Si può parlare quindi di un settore allo sbando, quello dei fondi comuni e di risparmiatori in preda al panico e molto probabilmente mal consigliati. Solo così si spiega il rosso di 9,7 miliardi di euro, messo a segno dai prodotti azionari o ancora i deflussi netti pari a 6,3 miliardi nei fondi obbligazionari. Questa categoria, stavolta avrebbe dovuto salvarsi dal disastro: con le prospettive di taglio dei tassi di interesse, infatti, le obbligazioni già esistenti guadagnano valore, quindi la fuga precipitosa anche da questi fondi rischia di essere ancora una volta un errore. Finora a vincere sono stati i riscatti, che hanno travolto tutte le categorie di fondi (ad eccezione di un più 886 milioni nei fondi liquidità) e tutte le categorie di gestori (compresi gli esteri: meno 2,7 miliardi). 

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.