Ue indaga sul cartello del cemento

Pubblicato da: MatteoT - il: 10-12-2010 14:26

Dopo l’lcd, nel mirino dell’antitrust europeo arriva il settore del cemento; nonostante una condanna già messa in atto alla fine degli anni Novanta, le big del settore potrebbero esserci ricascati; il sospetto della Commissione Europea che controlla la concorrenza è che sia stato costituito un cartello illegale.

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La Commissione intende effettuare indagini per verificare la possibile esistenza di restrizioni dei flussi commerciali tra vari stati, di ripartizione dei mercati, di coordinamento dei prezzi e di altre pratiche potenzialmente anticompetitive nel mercato del cemento e dei prodotti ad esso correlati.

In sostanza, la Ue vuole dimostrare se i leader del settore invece di farsi concorrenza – e in questo modo abbassare i costi per i consumatori e le imprese – abbiano cercato accordi di vario tipo per sostenere i prezzi.
Bruxelles, in via ufficiale, non ha offerto precisazioni sui nomi delle società coinvolte, ma ha indicato i nomi dei paesi dove queste sono attive: Francia, Germania, Austria, Belgio, Italia, Spagna, Lussemburgo, Paesi bassi, Repubblica ceca e Regno Unito.

Nel pomeriggio, sia Italcementi sia l’altro gruppo leader in Italia, Buzzi Unicem (che controlla la tedesca Dyckeroff), hanno ammesso di essere coinvolte. Ora bisognerà capire se anche in questa occasione la Ue troverà o meno prove sufficienti per un’altra multa milionaria.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.