Alitalia-Airfrance: i francesi non vogliono le nozze

Pubblicato da: MatteoT - il: 16-12-2010 8:47

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Il presidente di Air France-Klm, Jean Cyril Spinetta, ha detto no al matrimonio tra la compagnia franco-olandese ed Alitalia, di cui AF-Klm è prima azionista con il 25%; Spinetta ha inoltre indicato di essere “assolutamente fiducioso” nel futuro di Alitalia. Il numero uno di AF-Klm ha aggiunto di essere venuto a Milano per il Cda di Alitalia, “come faccio regolarmente”.

Le parole di Colaninno: “Il nostro Paese forse è troppo ricco, non c’è più voglia di lavorare, forse perché non abbiamo bisogno di lavorare, o almeno alcuni pensano così anche se non è vero. C’è poca innovazione, ci sono pochi stimoli, tutto questo diminuisce ogni possibilità di sviluppo, anche perché non abbiamo ancora la paura di potere tornare poveri e quindi pensiamo sempre prima ai diritti e poi ai doveri”.

L’esortazione per sviluppare ‘sistema Italia’ arriva da Roberto Colaninno presidente di Alitalia e di Piaggio, che a Milano ha partecipato alla presentazione dell’annuale rapporto del Censis. “Nel mondo ci sono 5 miliardi di persone che lavorano molto per migliorare la loro vita, noi dobbiamo rinnovare lo spirito che ha cambiato l’Italia portandola dalla situazione terribile del dopoguerra fino a diventare uno dei Paesi più industrializzati del mondo. Forse dovremmo dire a Tremonti – ha concluso scherzando Colaninno – di tassarci tutti così diventiamo tutti poveri e si capirebbe così che dobbiamo lavorare di più“.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.