Facebook: spunta un magnate russo

Pubblicato da: MatteoT - il: 05-01-2011 13:22

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

Alisher B. Usmanov, è lui il magnate russo che ha passato la sua vita all’ombra del Cremlino uzbeco colui che è a capo della società russa che è salita al 10% nel capitale di Facebook; assiamo all’ad della russa DigitalSkyTechnologies, Yuri Miller, ha inventato l’impero internettiano russo, Mail.ru.

Come racconta un articolo sulla “Repubblica”, la storia di Dst ha radici molto lontane nel tempo. Due anni fa Milner aveva telefonato a Usmanov parlandogli proprio del social network ideato da Mark Zuckerberg, e allora era cominicato l’investimento che ha portato, oggi, alla “strana alleanza” che lega Russia e California.

Milner in passato aveva dichiarato che “sul Web c’è questa tendenza: il vincitore prende tutto“. E sembra che proprio questa frase sia all’origine della sua strategia: allargarsi il più possibile, estendersi ed entrare nei colossi. Come, appunto, Facebook.

Usmanov, che della società di Milner è il maggior azionista, è tra i cento uomini più ricchi al mondo, con i suoi 7,2 miliardi di dollari, messi insieme soprattutto attraverso Metalloinvest, la società che amministra il business minerario di Bazprom. E poi, è magnate della tv, di cui possiede due catene e una trentina di antenne regionali, e ha rilevato anche il quotidiano Kommersant cinque anni fa. Non disdegna neanche lo sport, dove possiede la Dinamo di Mosca e l’Arsenal di Londra. Ma in questo momento, la sua attenzione è focalizzata soprattutto sull’avventura internettiana.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.