Fiat Industrial: a breve un nuovo bond

Pubblicato da: MatteoT - il: 01-03-2011 8:00 Aggiornato il: 28-02-2011 15:24

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Fiat Industrial rende noto di aver dato mandato “a Banca Imi, Barclays Capital, Bnp Paribas, Credit Agricole-Cib, Citi, Royal Bank of Scotland, Societe Generale CIB e UniCredit di organizzare una serie di incontri con investitori che operano sui mercati a reddito fisso”, a partire dal primo marzo 2011, allo scopo “di esplorare possibili opportunità sul mercato obbligazionario, in funzione delle condizioni di mercato”, a conferma delle voci che volevano il Lingotto pronto a tornare sul mercato con un’emissione fino ad un massimo di 2-2,2 miliardi per rifinanziare il prestito bancario ottenuto in dicembre.

Sul titolo continuano ad esercitarsi gli analisti, tra gli ultimi quelli di Nomura (“buy” con target price a 13 euro), che giudicano “solido” lo scenario delle differenti linee di business e non escludono che Cnh o più probabilmente Iveco non possano inserirsi in uno scenario che da qualche tempo vede una ripresa delle operazioni di fusione e acquisizione.

Nei mezzi pesanti, in particolare, la ventilata alleanza con Daimler “avrebbe molto senso” secondo gli esperti del broker giapponese, che invece per Cnh giudicano possibile una più limitata intesa nel settore delle macchine movimento terra di Cnh Construction Equipment più che nel campo delle macchine agricole.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.