Crac Parmalat: banche estere tutte assolte

Pubblicato da: MatteoT - il: 18-04-2011 12:36

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Le quattro banche estere coinvolte nel processo Parmalat – Morgan Stanley, Bank of America, Deutsche Bank e Citigroup – sono state tutte assolte; la formula con cui sono stati assolti in funzionari è quella di “non aver commesso il fatto”, oppure che “il fatto non sussiste”. Dopo la lettura del verdetto, gli avvocati della difesa si sono lasciati andare a momenti di gioia, abbracciandosi per un verdetto che hanno definito “a sorpresa”.

Le sei persone fisiche assolte dal Tribunale di Milano – in conseguenza della loro assoluzione sono stati scagionati anche gli istituti – sono Carlo Pagliani e Paolo Basso di Morgan Stanley, Marco Pracca e Tommaso Zibordi di Deutsche Bank, Paolo Botta di Citigroup e Giaime Cardi di Credit Suisse. Per quest’ultimo l’accusa aveva chiesto la prescrizione ma per lui, come per gli altri manager, i giudici hanno ritenuto di emettere un verdetto di assoluzione piena.

Al termine della requisitoria dello scorso 17 gennaio, la procura aveva chiesto la condanna degli istituti di credito a una sanzione di 900mila euro ciascuno e la confisca dei profitti che erano ritenuti illeciti. Nel dettaglio, si trattava di 14 milioni di euro per Deutsche Bank, 70 milioni per Citigroup, 30 milioni e 705mila euro per BofA e 5,9 milioni per Morgan Stanley.

Nel corso delle arringhe difensive, i legali delle banche avevano definito le accuse infondate, insistendo sulla correttezza dell’operato degli istituti, che erano stati chiamati a rispondere del reato di aggiotaggio per la responsabilità amministrativa nei confronti delle condotte illecite dei propri funzionari.

Bank of America – ha subito commentato l’istituto – esprime la propria soddisfazione per l’ulteriore assoluzione emessa dal tribunale di Milano per il reato di aggiotaggio. Come è emerso nel dibattimento – comunica il gruppo statunitense – non solo il reato non sussisteva, ma Bnak of America disponeva di modelli organizzativi idonei”. Dello stesso registro i commenti che sono arrivati da Citigroup: “La sentenza del Tribunale di Milano conferma inequivocabilmente che Citi e i propri collaboratori non ebbero alcun ruolo nella perpetrazione della più significativa bancarotta fraudolenta della storia italiana”.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.