Caso Parmalat: come recuperare i soldi

Pubblicato da: MatteoT - il: 19-04-2011 6:34

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Dopo dieci anni di udienze, nel caso del crac Parmalat sono state assolte tutte la banche; ma il fallimento è costato l’azzeramento del patrimonio azionario ai piccoli azionisti, mentre secondo la sentenza difficilmente i piccoli risparmiatori che avevano investito nei “bond” riusciranno a recuperare quanto perso.

Fortunatamente però così non è, afferma Giovanni Pecoraro, presidente dell’Organismo Internazionale di Conciliazione & Arbitrato dell’ANPAR. “C’è una positiva speranza di recuperare buona parte di quanto perso”.

Come? Con la mediazione civile, visto che la materia bancaria è una di quelle il cui esperimento del tentativo di conciliazione è obbligatorio. “E’ vero – dice Pecoraro – che questa è una sentenza che tende all’aggravamento dei conflitti sociali, fosse stata già in vigore l’obbligatorietà alla mediazione civile tutto questo, forse non sarebbe successo“.

“La mediazione che si pone al di sopra delle parti avrebbe incarnato sicuramente la concordia dei risparmiatori e delle banche, con un accordo reciprocamente soddisfacente. L’aspro scontro tra i rappresentanti dei risparmiatori e delle banche – secondo Pecoraro – ha portato a questa soluzione. Alla base del grave provvedimento c’è un fatto molto importante la lungaggine del processo che ha estinto per prescrizione la responsabilità civile delle banche. Sappiamo tutti che ci sono grovigli di interessi in questa vicenda”.

Come uscirne? Pecoraro lancia una proposta, l’avvio di procedure conciliativa attraverso organismi di conciliazione presenti con uffici di conciliazione e delegazioni sull’intero territorio nazionale, dal Trentino alla Sicilia, che hanno al proprio interno mediatori altamente professionali e competenti nella materia da mediare.

Da che cosa nasce questa certezza di recuperare ciò che una sentenza di primo grado ha già deciso? “Semplice – afferma il presidente Pecoraro – forse non tutti sanno, che una sentenza non definitiva, consente l’applicazione della mediazione civile e commerciale e che il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti, può invitare le stesse a procedere alla mediazione.

L’invito deve essere rivolto alle parti prima dell’udienza di precisazione delle conclusioni ovvero, quando tale udienza non è prevista, prima della discussione della causa”. “Dunque, da quanto detto – continua Pecoraro – la procedura può avviarsi anche prima dell’appello e/o durante la causa di appello. Il consiglio è quello di avviare le procedure da subito. Ricordo ai delusi della sentenza che tentare la mediazione non costa nulla”.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

Trading da mobile in sicurezza? Prova l'app AVATRADE GO con un conto demo gratuito.

Scopri di più
X
E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Investimenti

Investi con fiducia sulla piattaforma leader mondiale di  trading >>

Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP.

Unisciti alla rivoluzione del social trading di AvaTrade >>

Copia automaticamente gli investimenti dei trader piu’ esperti con  DupliTrade.

Ricevi $100.000 per fare pratica e migliorare le tue capacità di trading

Su ogni nuovo account AvaTrade verrà accreditato $100.000 in un portafoglio virtuale, che ti consente di fare pratica senza rischi.