Rating e rischio di insolvenza

Pubblicato da: MatteoT - il: 25-07-2011 9:00 Aggiornato il: 10-07-2011 12:00

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

La stima del rischio di insolvenza influenza le decisioni dei finanziatori riguardo a se erogare credito all’impresa (o continuare ad erogarlo) e quale tasso d’interesse richiedere (il tasso sale al crescere del rischio).

Una modalità importante di stima del rischio di insolvenza nel caso del debito obbligazionario è il ricorso al rating, il quale tiene conto di misurazioni condotte sulla struttura finanziaria a valori contabili.
Le società di rating sono operatori specializzati che effettuano una valutazione del merito creditizio, ossia della probabilità di insolvenza riguardo a una particolare emissione obbligazionaria o a un determinato emittente su richiesta della società, che paga il servizio sotto forma di commissioni.

I rating sono il frutto di un processo di valutazione che comporta fornitura di informazioni e colloqui tra la società di rating e l’emittente; sono dei “voti” su una scala predeterminata, generalmente espressa in termini di lettere e/o altri simboli con l’aggiunta di segni + o – per fornire l’idea.
Il processo di attribuzione del rating tiene in considerazione una serie di variabili:
– Business (settore di appartenenza, posizionamento competitivo, qualità del management)
– Finanziarie

Nella prossima puntata andremo a vedere gli otto indicatori utilizzati dalla più famosa agenzia di rating, Standard & Poor’s.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.