I contratti bancari

Pubblicato da: MatteoT - il: 30-07-2011 8:00 Aggiornato il: 10-07-2011 12:07

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei contratti finanziari, cioè di quelli che si caratterizzano per la funzione di trasferire moneta tra diversi agenti economici all’interno di un rapporto di tipo creditizio e di attuare una distribuzione del rischio tra i diversi operatori. I tre tipici archetipi di contratti finanziari sono il contratto assicurativo, quello di debito e quello azionario.

In relazione alle modalità di stipulazione i contratti in questione possono essere:
Contratti bilaterali: discendono da un rapporto diretto tra le parti che ne convengono il contenuto, le caratteristiche e le condizioni in base alle proprie esigenze ed alla relativa forza contrattuale. In tali contratti, si evidenzia un’elevata personalizzazione ed una limitata negoziabilità, intendendo con tale termine la possibilità di un soggetto di recedere dal contratto prima della scadenza facendosi sostituire o meno nella propria posizione da un altro soggetto.

Contratti di mercato: risultano fortemente tipizzati; in altri termini contenuti, scadenza, valore nominale e condizioni del cotnratto sono standardizzati.
Nel nostro paese, i contratti posti in essere dagli intermediari finanziari sono prevalentemente di tipo bilaterale.

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.