L’assegno circolare: di cosa si tratta?

Pubblicato da: MatteoT - il: 02-08-2011 8:00 Aggiornato il: 10-07-2011 12:13

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

L’assegno circolare è un titolo di credito all’ordine emesso da un ente creditizio, a ciò appositamente autorizzato, il quale si assume l’obbligo incondizionato di pagare a vista ad una determinata persona una certa somma di denaro, disponibile all’atto dell’emissione.

L’assegno circolare si differenzia da quello bancario per alcune ragioni:
Soggetto che lo emette: nell’assegno bancario un privato, in quello circolare la banca stessa.
Luogo di pagamento: l’assegno circolare è pagabile presso qualsiasi dipendenza della banca emittente (caratteristica di circolarità).
Copertura: l’assegno circolare risulta a copertura precostituita, esso viene rilasciato dal richiedente solo dietro versamento di denaro corrispondente al valore nominale del titolo stesso.

L’assegno circolare ha una maggiore sicurezza perché essendo emesso da una banca, difficilmente sarà scoperto.

Inoltre analogamente a quanto previsto per l’assegno bancario, il diritto di incassare le somme indicate sul titolo può essere trasferito a terzi mediante girata, da effettuarsi apponendo la firma del girante, purchè l’assegno risulti di importo inferiore a 12.500 Euro. Gli assegni di importo superiore, infatti, non sono trasferibili a soggetti terzi diversi dal beneficiario ed il titolo deve recare prestampata la clausola “non trasferibile”.

Informazioni sull'autore

MatteoT

Lascia un Commento

E-investimenti.com

E-investimenti.com

Avviso di rischio - I CFD presentano un alto rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Tra il 74% e l’89% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD.