Tepco e Rwe: il nucleare crea problemi ai conti

Pubblicato da: MatteoT - il: 10-08-2011 7:37

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

I guai arrivano tutti dal Giappone, come è noto. Perché l’incidente che ha bloccato la centrale di Fukushima, in seguito al terremoto che ha devastato il paese asiatico, non ha solo portato a una riflessione in mezzo mondo sul futuro degli impianti atomici con le attuali tecnologie, ma a distanza di qualche mese cominciano a esserci le prime ripercussioni sui conti delle società del settore.

Scontate quelle legate ai conti di Tepco (Tokyo Electric Power) il colosso giapponese dell’energia responsabile dell’impianto di Fukushima, dove si è registrato l’incidente più grave dopo quello di Chernobyl del 1986. Tepco ha chiuso il primo trimestre dell’esercizio corrente (2011-2012) con una perdita netta di 572 miliardi di yen (circa 5 miliardi di euro).

Il gruppo nipponico, oltre all’aumento dei costi di l’approvvigionamento di idrocarburi e al calo del fatturato, ha accusato una perdita straordinaria di 503 miliardi per gli indennizzi delle vittime della catastrofe atomica.

Le perdite accumulate dal gruppo tedesco Rwe – il secondo del paese dopo E.On – fanno parte delle ricadute dell’incidente in Giappone. E, in particolare, della decisione del governo del cancelliere Angela Merkel di chiudere progressivamente nei prossimi anni le centrali nucleari.

Rwe archivia il secondo trimestre con una perdita netta di 229 milioni di euro a fronte di utile di 486 milioni del corrispondente periodo del 2010. Il fatturato è contestualmente diminuito del 3,2% a 11,7 miliardi.

Fonte: repubblica.it

Lascia un Commento

X

Avviso di rischio - Il 67-75% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.